Durante la ricreazione si parla solo tedesco: il provvedimento che fa discutere in Svizzera, nel Canton Argovia

WhatsApp
Telegram

Vietare l’uso di altre lingue al di fuori del tedesco durante la ricreazione. Si tratta di un provvedimento adottato nel canton Argovia e che sta facendo discutere nella Svizzera tedesca. Anche perché altrove nel paese a vedersi minacciato è il dialetto, a cui larghissime fasce della popolazione sono tuttora molto legate, che viene soppiantato dall’Hochdeutsch (il tedesco standard).

Come riporta Il Corriere del Ticino, la decisione presa nel comprensorio scolastico di Reinach-Leimbach, prevede che durante le pause solo il tedesco sia ammesso. Questo per favorire l’integrazione, visto che i due terzi degli scolari parlano una lingua straniera e la quota di persone in assistenza è elevata.

Problemi vi sono però anche in un quartiere elegante di Zurigo: un padre, cittadino tedesco, ha spiegato con un certo rammarico al domenicale che i suoi figli “non parlano un vero svizzero-tedesco, malgrado abbiano sempre vissuto qui”.

Nel loro ambiente i bambini che si esprimono in dialetto sono chiaramente una minoranza. “Nella classe della scuola elementare di mia figlia almeno tre quarti degli scolari provengono da famiglie tedesche o anglosassoni con istruzione accademica e la maggioranza parla buon tedesco nel cortile dell’istituto”. I bimbi svizzeri si sono così adattati.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur