Due ore di sport obbligatorio alla settimana alla primaria con specialisti: la proposta è della regione Piemonte, la prima in Italia.

di Giulia Boffa
ipsef

GB – La regione Piemonte ha presentato oggi un disegno di legge sullo sport nella scuola primaria.

Due ore di sport obbligatorie settimanali nelle scuole primarie, affiancando ai docenti degli istruttori specializzati. L’iniziativa costerà 2,1 milioni e riguarderà circa 180 mila ragazzi delle 9 mila classi piemontesi, pari al 50%, dall’anno successivo la totalità.

GB – La regione Piemonte ha presentato oggi un disegno di legge sullo sport nella scuola primaria.

Due ore di sport obbligatorie settimanali nelle scuole primarie, affiancando ai docenti degli istruttori specializzati. L’iniziativa costerà 2,1 milioni e riguarderà circa 180 mila ragazzi delle 9 mila classi piemontesi, pari al 50%, dall’anno successivo la totalità.

Il governatore del Piemonte, Roberto Cota, esprime la sua soddisfazione: ”E’ la prima volta in Italia. Il provvedimento non vuol essere una imposizione ma un’attività di semina che speriamo possa portare ad un cambiamento culturale affinché lo sport non sia più marginale nella scuola. Finora la pratica sportiva è lasciata alla discrezionalità degli insegnanti, noi diamo loro un sostegno".

Positivi i riflessi previsti sulla salute: "Un investimento nello sport oggi, è in prospettiva un contenimento della spesa sanitaria" rileva Cota. Una quota del fondo sanitario regionale infatti sarà destinata agli investimenti sportivi.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione