Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Dubbi sulle assegnazioni provvisorie: chiariamone alcuni

Sono tanti i dubbi che i docenti interessati all’assegnazione provvisoria manifestano e vorrebbero chiarire prima di fare la domanda. Ecco alcune risposte

Una lettrice ci scrive:

Vorrei sottoporvi alcuni quesiti circa l’assegnazione provvisoria. Nelle operazioni di mobilità per l’anno 2020/21, ho ottenuto il trasferimento da posto di sostegno a posto comune, in un liceo di un’altra provincia. Vorrei chiedere assegnazione provvisoria nel comune di residenza mia e di mia madre (convivente e ultra sessantacinquenne).

Vorrei sapere:

1-posso fare domanda nonostante il trasferimento ottenuto? 

2-è obbligatorio esprimere anche l’indicazione sintetica della provincia, visto che si tratta di una domanda per un’assegnazione interprovinciale?

3-è obbligatorio esprimere l’indicazione sintetica del comune o è possibile indicare anche un solo istituto, posto che si trovi nel comune di residenza del genitore? 

4-verranno quindi tenute in considerazione solo le preferenze espresse? “

Sono tanti i quesiti posti alla nostra redazione sulle assegnazioni provvisorie. I docenti manifestano molti dubbi e hanno timore di commettere errori nella domanda.

La nostra lettrice pone diversi quesiti che risultano comuni a molti docenti per cui fornire risposta potrà essere d’aiuto a tanti

1- Trasferimento ottenuto e AP non sono incompatibili

Aver ottenuto trasferimento per il prossimo anno scolastico 2020/21 non esclude la possibilità di presentare domanda di assegnazione provvisoria per i docenti che anno i requisiti necessari

2- Non è obbligatoria la preferenza sintetica sulla provincia

Il docente che chiede assegnazione provvisoria interprovinciale non è obbligato a inserire preferenza sintetica nella provincia richiesta.

Per le preferenze l’obbligo riguarda il comune di ricongiungimento.

Il docente deve inserire come prime preferenze scuole ubicate nel comune di ricongiungimento o direttamente la preferenza sintetica nel comune.

3- Si può esprimere anche una sola preferenza per una scuola ubicata nel comune di ricongiungimento

L’obbligo di inserire la preferenza sintetica nel comune di ricongiungimento è valido soltanto se il docente deve esprimere preferenze anche per altri comuni. In questo caso, infatti, dovrà prima inserire preferenza per il comune di ricongiungimento altrimenti le richieste su altri comuni non saranno prese in considerazione.

Non è questo il caso che interessa la nostra lettrice che, volendo chiedere soltanto una specifica scuola del comune di ricongiungimento, potrà farlo senza dover chiedere tutto il comune. Nella domanda inserirà, quindi, soltanto una preferenza analitica su scuola

4- Si potrà ottenere AP solo in una sede richiesta

L’assegnazione provvisoria è esclusivamente un movimento volontario che potrà essere disposto soltanto in presenza di disponibilità in una delle sedi richieste. La nostra lettrice non dovrà, quindi, preoccuparsi di rischiare l’assegnazione in una scuola non gradita. Se non ci saranno cattedre disponibili nella scuola richiesta non otterrà l’assegnazione provvisoria e lavorerà nella scuola di titolarità

Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.
Per le istituzioni scolastiche. Consulenza specifica e risposta garantita. Gratuitamente [email protected]

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia