Dubbi e criticità sulle nuove classi di concorso. Incertezze anche sull’iter della riforma

Stampa

red – Ieri Gilda e ANIEF hanno mostrato soddisfazione per la possibilità di un passo indietro da parte del Ministero relativamente alla riforma delle nuove classi di concorso. Ma non c’è ancora certezza.

red – Ieri Gilda e ANIEF hanno mostrato soddisfazione per la possibilità di un passo indietro da parte del Ministero relativamente alla riforma delle nuove classi di concorso. Ma non c’è ancora certezza.

La campagna elettorale ha messo in subbuglio gli equilibri all’interno dei gruppi parlamentari, che continuano a lavorare su importanti provvedimenti.

Cosa criticata, ad esempio, ieri dal PD in Senato relativamente al regolamento sulla valutazione.

Uno scontro sommerso c’è anche per quanto riguarda la criticatissima riforma delle classi di concorso, anch’essa osteggiata dal PD che ne ha chiesto lo stop.

Ieri la notizia, ancora tutta da verificare, che il Ministero ha fatto un passo indietro sulla vicenda delle classi di concorso. Nel contempo si lavora in sede parlamentare sulla ridefinizione dei contenuti in base alle indicazioni date dai sindacati auditi. In questo articolo trovate tali rilevazioni.

La riforma delle classi di concorso ci sarà o no? Non abbiamo la sfera di cristallo, gli equilibri sono in continuo mutamento, ma è certo che Profumo ha intenzione di portare a casa tutto ciò che è possibile, compresa la riforme sulle classi di concorso

Nuove classi di concorso: lo stop al loro rinnovo non può che trovare l’Anief d’accordo

Riforma classi di concorso: il Miur pronto a gettare la spugna

Stampa

Eurosofia organizza la III edizione di [email protected] Aiutiamo i giovani a progettare il loro futuro in modo consapevole