DSGA FF, in ruolo con percorso alternativo al concorso. Lettera

Stampa
ex

Inviato da Amelia Sparavigna – Oggi primo maggio, festa dei lavoratori.

Vorrei informare il mondo che non è così , che non ci può essere festa la dove la politica è assente. Dunque:

dalla data di istituzione della figura del DSGA ad oggi, per ben 18 anni, l’indifferenza politica non ha mai prodotto un concorso pubblico per ricoprire tale profilo.

Nel frattempo, l’amministrazione ha fronteggiato la crescente situazione di emergenza utilizzando la palese, seppur precaria, forza di volontà degli Assistenti Amministrativi che hanno accettato l’onere di ricoprire la funzione superiore quasi esclusivamente per il senso del dovere e per il bene della scuola, considerando che alcuni DSGA facenti funzioni percepiscono un trattamento stipendiale inferiore a quello maturato nel ruolo di provenienza, nonostante le maggiori responsabilità assunte.

Dopo anni di silenzio e di colpevole inattività, la politica e l’amministrazione scolastica hanno pensato bene di risolvere l’emergenza pubblicando il primo Bando di Concorso pubblico per la figura di DSGA, senza prevedere percorsi alternativi per la valorizzazione delle competenze professionali acquisite dagli Assistenti Amministrativi che per anni hanno esercitato funzioni superiori. Mai si era vista una ingiustizia simile

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, forse nell’intento di assecondare gli orientamenti contenuti in recenti sentenze della Corte Costituzionale ha evidenziato una inquietante indifferenza nei confronti degli Assistenti Amministrativi che hanno svolto funzioni superiori per molti anni i quali non si aspettavano un trattamento di favore, ma neppure una discriminazione così palese.

Contestiamo, gli atteggiamenti che le istituzioni politiche ed amministrative stanno mantenendo nei confronti del mondo scolastico perché, colpevolmente miopi, non riescono a cogliere la reale problematica della situazione amministrativa nelle scuole e non hanno previsto, oltre al concorso pubblico, nessun percorso alternativo, più snello e veloce, volto a valorizzare le professionalità acquisite dal personale interno, in grado di risolvere in tempi brevi il problema della mancanza di DSGA titolari.

In particolare, riteniamo che non siano stati presi in considerazione i seguenti aspetti:

– il personale Assistente Amministrativo facente funzione ha già maturato esperienza e professionalità partecipando, tra l’altro, a numerosi percorsi di formazione realizzati e finanziati dal MIUR con ingenti investimenti (es. IoConto, PNSD, SidiLearn, ecc.);

Chiediamo giustizia in primis e un atto risolutivo da parte della politica che tuteli la nostra posizione. Mi appello al Presidente del Consiglio, uomo di grande spessore politico, l’unico che finalmente è intervenuto e si è dimostrato attento al nostro problema. Mi appello inoltre ai sindacati che ben conoscono la nostra situazione che ora più che mai, con la richiesta di unione fra loro potrebbero riacquistare quella fiducia ormai persa e i relativi consensi. Vogliamo che l’opinione pubblica sia al corrente di queste situazioni.

Le promesse fatte in campagna elettorale non sono state mantenute. Abbiamo creduto ed espresso il nostro voto sperando in ciò che ci era stato promesso. Noi vogliamo solo una cosa e la chiediamo in questo giorno importante

GIUSTIZIA

Stampa

Eurosofia. Aggiornamento Ata: corso di dattilografia a soli 99 euro. Iscriviti ora