DSGA facenti funzione: l’ingiustizia di non avere un concorso riservato. Lettera

ipsef

item-thumbnail

Inviato da Amelia Sparavigna – Mi appello a codesta spettabilissima CDGUE. Domani in Italia verrà commessa la più grande ingiustizia sulla pelle dei lavoratori della scuola , è pronto un disegno di legge costruito su ricatti dei vari esponenti politici.

A causa di un malgoverno che negli anni ha dimenticato la scuola , si sta creando un enorme caos politico. Tra le tante ingiustizie c’è quella dei direttori dei servizi generali amministrativi che da anni svolgono tale funzione. Essi sono assistenti amministrativi, praticamente a costo zero che da anni senza percepire il dovuto stipendio, hanno dedicato alle scuole , con sacrificio e completa dedizione la propria competenza , accresciuta negli anni da corsi di formazione. Le competenze acquisite sono state ampiamente dimostrate nella conduzione perfetta del loro operato. Operato sottoposto a controlli severi dei revisori dei conti.

Questo governo sta stravolgendo con azioni diverse da quanto promesso , la vita dei lavoratori della scuola. Tutti quelli che nella scuola hanno lavorato e fino a questo momento hanno creduto in una possibilità di mobilità verticale per un lavoro che svolgono da anni, si vedono cancellare vengono con un colpo di spugna , e vedono negate le loro legittime aspettative di stabilizzazione .Tutto ciò non era nei programmi di governo, la colpa è di un ministero che ha azzerato le speranze di generazioni di lavoratori, troppo giovani per aspettarsi di essere stabilizzati in questo lavoro e ora troppo vecchi. Noi non chiediamo che ci venga regalato nulla, ma chiediamo rispetto e la possibilità di avere un concorso riservato.

Un concorso ordinario quello in svolgimento, istituito senza rispetto per chi già ricopriva quei posti da anni ,escludendo chi la laurea non l’aveva e dando la possibilità solo a una ristrettissima platea. In tutti questi anni abbiamo ricoperto i posti vuoti per volere e imposizione della stessa amministrazione, carente di non aver saputo svolgere i propri compiti. AI dsgaff, laureati o non laureati e molti di noi lo sono, viene tolto qualcosa di prezioso, la dignità. Noi chiediamo l’annullamento del concorso organizzato male e in maniera frettolosa. Chiediamo rispetto e un concorso riservato per tutti noi. Chiediamo a codesta spettabile Corte un intervento immediato per la tutela dei nostri diritti. Abbiamo bisogno di legalità e di qualcuno che ci aiuti senza ricatti e scandali o motivazioni politiche. Non vogliamo essere strumentalizzati.

Fiduciosi in un tempestivo riscontro porgiamo distinti saluti

Per il gruppo dei direttori amministrativi precari

Versione stampabile
soloformazione