DSGA facenti funzione indispensabili alle scuole. Lettera

ex

inviata da Anna Picardi – Illustrissimi: Sigg. ri Prefetti delle province Lombarde, Governatore Fontana, Assessore De Nichilo, OO. SS. Scuola, siamo un gruppo di Direttori dei servizi generali e amministrativi (DSGA) in servizio nelle istituzioni scolastiche statali della Lombardia, con incarico di facenti funzione che svolgiamo da oltre 3 anni, alcuni da 8,9, 10 anni!

Questa nostra missiva e/o appello è indirizzata alla Vs attenzione e lancia un grido di allarme per la scuola lombarda dal prossimo primo settembre.

Dalla conferenza stampa del Ministro dell’Istruzione Azzolina e dalla bozza di Decreto-legge di prossima pubblicazione, non emerge lo stato attuale e realistico della scuola italiana. La Ministra ha parlato di DAD avviata, di smart-working attuato, di sovvenzioni per l’acquisto di sussidi per gli alunni in condizione economica disagiata, trasmettendo all’opinione pubblica un messaggio di assoluta tranquillità per le misure emergenziali attuate dal Governo.

Constatiamo amaramente che la realtà è molto diversa: le scuole lombarde sono attualmente gestite dai DSGA di ruolo per 450 posti e dai Facenti Funzione per 650 posti vacanti su 1.130 totali.

Il 28 dicembre 2018 è stato indetto un concorso ordinario per l’assunzione in Lombardia di 451 unità senza prevedere un concorso riservato per coloro che svolgono da più di 3 anni detto servizio con professionalità e dedizione dimostrata sul campo.

La Ministra dell’Istruzione, a nostro avviso, pur conoscendo la nostra situazione non ha dato seguito alle intese che sono state sottoscritte con le OO.SS. della scuola concertate con il Ministro Fioramonti nei mesi di ottobre e dicembre 2019, che prevedevano un concorso riservato per i DSGA Facenti Funzione con almeno 3 anni di incarico negli ultimi 8 in possesso di laurea specifica e senza titolo con 36 mesi di servizio.

I DSGA ff con tali requisiti rivendicano il loro disatteso concorso riservato per titoli!

Non accetteremo più un incarico che non ci tutela e che non rispetta il ruolo svolto per tanti anni.

l Personale attualmente in servizio, nel corso di questi anni, ha dato ampiamente prova della sua competenza e di quella elasticità mentale che solo con tanti anni di servizio e certamente non solo con il titolo, si acquisisce. La nostra preoccupazione è chiara: vogliamo sapere in quali condizioni saremo messi senza un intervento che dia una soluzione alla rivendicazione del nostro ruolo spettante.

Lo stato emergenziale non consentirà le immissioni in ruolo dal concorso ordinario, per il prossimo 1° settembre, perché le commissioni sono ferme e la procedura non potrà completarsi per tempo.

Le scuole si ritroveranno ancora senza la figura del DSGA che per la sua funzione assicura e garantisce l’organizzazione amministrativa e scolastica.

Ci teniamo a precisare che la maggior parte dei DSGA facenti funzione per non dire tutti, vista la mancata considerazione riscossa dalla Ministra e da tutto il suo Dicastero, avrebbe voluto dare le dimissioni già dal mese di febbraio u.s. Solo l’insorgere dell’emergenza epidemiologica, arrivata tra la fine di gennaio e inizio febbraio, ha impedito l’evolversi delle anzidette dimissioni di massa. Abbiamo rinunciato a tale estrema conseguenza solo per un senso di appartenenza alla Nazione che da lì a poco si sarebbe apprestata a vivere una situazione surreale, oltre che per correttezza professionale e la dedizione verso il lavoro che abbiamo sempre svolto, con abnegazione per il bene di tutto il sistema scuola.

Inoltre, più volte abbiamo denunciato questa grave disorganizzazione ma ad oggi non ci sono pervenuti segnali da parte dei nostri politici di giusta presa in considerazione della difficile situazione in cui ci troviamo e il problema, non analizzato, con doverose soluzioni, sarà enorme se non si affronta nell’ immediatezza: le scuole al 1° settembre non avranno il DSGA facente funzione in servizio perché non accetteremo in massa un incarico di utilizzo!

La Ministra oltre a non aver recepito le intese, ha stravolto l’intero sistema lasciando volutamente nel dimenticatoio le figure interne che hanno sin qui garantito con professionalità il funzionamento dell’intera comunità scolastica. Le OO.SS. ci sosterranno ancora, e chiederemo di non firmare per l’ennesimo anno l’intesa per l’utilizzo annuale.

Siamo stufi di essere sfruttati, non lo permetteremo più a un datore di lavoro che disconosce le professionalità interne al sistema scolastico e in particolare le eccellenze dei propri impiegati!

Le scuole lombarde a settembre, quindi, si troveranno senza tantissimi DSGA facenti funzione in servizio. Non potrà esserci alcun decreto che possa imporre l’obbligatorietà di accettare la funzione neanche per straordinarietà ed urgenza da Covid-19.

Sigg. ri Prefetti, Governatore, Assessore, OOSS Regionali e Nazionali, Vi chiediamo di porre una grande attenzione alla questione illustrata.

Vi chiediamo, inoltre, di sostenere e di farVi portavoce di quanto espresso in questa lettera di allarme, affinché la gravità esposta possa emergere e possa essere sottoposta all’attenzione del Governo per una fattiva soluzione.

Con la speranza che il nostro appello possa avere l’attenzione che merita, confidiamo in un Vostro pronto intervento immediato con gli organismi preposti: questa volta, in giusta considerazione di emergenza da Covid-19!
I DSGA Facenti Funzione scuole statali Lombardia.

Documento condiviso e sottoscritto da DSGA facenti funzione, seguirà modulo raccolta firme in fase di sottoscrizione

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia