DSA e ruolo dei Docenti: fondamentale saper riconoscere i segnali di disturbo per una diagnosi precoce

di Lalla
ipsef

Os.it consiglia Forum Media Edizioni – Un disturbo specifico di apprendimento non riconosciuto e non affrontato in tempi adeguati può comportare un corollario di difficoltà e problematiche che superano per gravità il disturbo stesso. Abbandono precoce della scuola, bocciature, isolamento sociale, dispersione scolastica, sono solo alcune delle conseguenze più frequentemente registrate.

Os.it consiglia Forum Media Edizioni – Un disturbo specifico di apprendimento non riconosciuto e non affrontato in tempi adeguati può comportare un corollario di difficoltà e problematiche che superano per gravità il disturbo stesso. Abbandono precoce della scuola, bocciature, isolamento sociale, dispersione scolastica, sono solo alcune delle conseguenze più frequentemente registrate.

Per evitarle, il ruolo dei docenti curricolari, referenti DSA e Dirigenti scolastici è quello di saper identificare un possibile disturbo discriminandolo dalla difficoltà; effettuare un corretto invio alla valutazione diagnostica specialistica; leggere la diagnosi per trarne tutte le informazioni e le indicazioni operative necessarie, utili ad impostare correttamente il Piano Didattico Personalizzato.

Per queste ragioni, Le proponiamo l’acquisto del nostro prodotto “Strumenti di supporto per studenti con disturbi specifici di apprendimento (DSA) e deficit di attenzione e iperattività (ADHD) – Schede di monitoraggio, raccolta di best practice e materiali di apprendimento personalizzabili su CD-Rom”.

Questo prodotto, Le fornisce, oltre a più di 400 documenti tra kit didattici e schede di monitoraggio per realizzare la didattica personalizzata per alunni e studenti con DSA e ADHD, un modello di PDP predisposto per ogni ordine e grado di scuola e le linee guida fondamentali per la sua compilazione, dalla raccolta delle informazioni alla programmazione di strumenti dispensativi e misure compensative idonee ad ogni necessità degli studenti, secondo le disposizioni del Ministero.

Per maggiori informazioni, clicchi qui.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione