Dress code maturità: non portate la minigonna, ma un dizionario di Italiano

di Elisabetta Tonni
ipsef

item-thumbnail

Continua la lotta all’abbigliamento succinto in aula a colpi di regolamenti sul dress code. Nonostante il calendario e la località di mare, a Cagliari il preside di un liceo ha scritto una circolare per ricordare agli studenti e relative famiglie che durante gli esami di maturità ci si dovrà vestire in maniera adeguata.

Che cosa è vietato agli esami di maturità

Vietato presentarsi in aula, di fronte alla commissione, indossando cappellini, minigonne, magliettine corte e pantaloni a vita bassa; niente calzoncini e nemmeno infradito o ciabatte da mare.

La scuola non è una spiaggia – ha dichiarato la preside a L’Unione Sarda – e ogni anno firmo questa disposizione per dare buoni consigli“. Le regole sul dress code sono valide tutto l’anno in questa scuola, ma la preside ha preferito rinfrescare la memoria e aggiornare il vademecum per la prima prova verso l’ingresso nel mondo degli adulti.

Che cosa debbono ricordare di portare

Non a caso, la preside ha sostenuto che “Vestire in modo adeguato, evitando gonne e pantaloni corti, magliette scollate e magliette con bretelline strette, è segno di maturità e civiltà“. E ha anche ricordato di portare un documento di identità valido, due penne blu o nere, matita, gomma e il vocabolario per la prova di Italiano. Chiaramente vietati cellulari e altre apparecchiature elettroniche che dovranno essere depositate prima dell’inizio degli scritti.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione