Ritorno in classe, Draghi: “Tutti i docenti sono in cattedra. La previsione di un disastro si è rivelata sbagliata” [VIDEO]

WhatsApp
Telegram

Il premier Mario Draghi, durante la conferenza stampa al termine del Consiglio dei Ministri, ha parlato anche della riapertura delle scuole.

“Il ministro Bianchi ci ha detto, in Consiglio dei Ministri, che le scuole si sono aperte, ancora una volta, dopo l’anno scorso, in buon ordine, tutti gli insegnanti sono in classe malgrado le previsioni di disastri, di disagi, di mancanza di centinaia di migliaia di insegnanti”, ha affermato il premier.

Poi ha aggiunto: “Tutto è andato diversamente perché il ministro Bianchi e il Ministero dell’Istruzione hanno lavorato da gennaio per un ritorno in classe ordinato e non due mesi prima”.

Sull’esperienza di governo: “Se avessi aspettato le elezioni comunali e regionali, ogni sussurro di qualunque connotato politico, non si riesce più a combinare niente e sarebbe stato il fallimento di questo governo, creato per fare e non per stare”. 

Sui ministri: “Sono orgoglioso, abbiamo avuto ministri straordinari, tutti loro li vedrei bene in qualunque altro governo perché hanno lavorato bene e lavorerebbero bene”. 

Nomine nel caos: algoritmo sotto accusa

Supplenze, Sasso: “Cancelliamo l’algoritmo e torniamo alle nomine in presenza”

Supplenze da Gps, la disperazione dei docenti: scavalcati da chi ha meno punti in graduatoria. Tutti contro l’algoritmo e c’è chi chiede le nomine in presenza

Le parole del premier in conferenza stampa

Leggi anche

Istituti tecnici superiori e professionali, nasce l’osservatorio per l’istruzione tecnica. Le novità del Decreto Aiuti ter [scarica BOZZA in PDF]

WhatsApp
Telegram

Eurosofia. Hai ottenuto il ruolo? Il 28 settembre segui il webinar gratuito: “Neo immessi in ruolo: cosa c’è da sapere per superare l’anno di prova”