Draghi, Pittoni (Lega): “Per la scuola urgente piano di stabilizzazione e rimodulazione vincolo quinquennale” [INTERVISTA]

WhatsApp
Telegram

La crisi di governo ad una svolta con il probabile incarico a Mario Draghi che oggi, alle 12, sarà ricevuto dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

L’ex presidente della Bce potrebbe diventare la guida di quel “governo di alto profilo” auspicato dal presidente Mattarella. Sembra sicuro l’appoggio di Pd e Italia Viva, mentre il centrodestra non si espone ma nemmeno chiude del tutto, fermo restando che Lega e FdI invocano un ritorno alle urne. Contrario invece il M5s.

A Orizzonte Scuola interviene il senatore della Lega, Mario Pittoni, vice presidente della Commissione Istruzione al Senato, responsabile Scuola del partito leghista: “Presenteremo proposte. Come sempre. Prima, comunque, daremo la parola ai cittadini e prima potremo contare su un governo stabile, con cinque anni davanti per sviluppare un progetto politico degno di questo nome”.

Sulla scuola, invece, cosa pensate di proporre al nuovo governo?

“Per quanto riguarda la scuola in questo momento le cose più urgenti sono il grande piano di stabilizzazione e la rimodulazione del vincolo di permanenza dei docenti oltre al recupero dell’esperienza dei Dsga facenti funzione, letteralmente gettata dal ministro Azzolina. Senza dimenticare investimenti adeguati per la prevenzione sanitaria onde non perpetrare l’apri e chiudi delle scuole”.

Azzolina al passo d’addio: cosa ha fatto e cosa ci sarà da fare per la scuola

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito