Dpcm, Casa (M5S): su cultura, istruzione e sport fondi da subito e fino a fine emergenza

Stampa

“Le nuove e necessarie misure per contenere l’innalzamento della curva pandemica hanno chiaramente un forte impatto, soprattutto sul mondo della cultura, dell’istruzione e dello sport. Insieme alla ristorazione, il prezzo che pagano questi settori è ancora più alto rispetto a quello, non da poco, che paga il resto del Paese.

La didattica a distanza causerà difficoltà a tutte le ragazze e i ragazzi, in particolare quelli più fragili; le chiusure dei teatri e dei cinema avranno serie ripercussioni soprattutto sui lavoratori stagionali e precari, che ne rappresentano la maggioranza. Non si può inoltre negare che ridurre drasticamente le attività ricreative nella nostra quotidianità inciderà anche in termini di benessere e di salute mentale. I contributi a fondo perduto e gli indennizzi veloci predisposti dal governo sono un primo indispensabile passo per mettere in sicurezza il presente. Tuttavia, insieme a queste misure, è necessario stabilizzare il sostegno a tutti questi comparti produttivi e renderlo certo fino alla fine dell’emergenza sanitaria ed economica. Rischiamo di perdere un pezzo del patrimonio italiano più prezioso: quello dei giovani, della cultura, dello sport, cioè dell’educazione a crescere insieme”.

Così Vittoria Casa, Presidente Commissione Cultura Scienza e Istruzione alla Camera.

Scuola, obbligo mascherine, spostamenti, chiusura bar e ristoranti, accesso parchi: cosa prevede il nuovo Dpcm

Stampa

L’Eco Digitale di Eurosofia, il 14 dicembre segui la Tavola rotonda:“Didattica a distanza e classe capovolta – Ambienti di apprendimento innovativi”