Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

DPCM 30 e 60 CFU, ci siamo! Le risposte alle vostre domande. QUESTION TIME con Cannas [VIDEO]

WhatsApp
Telegram

Firmato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che definisce i nuovi percorsi di formazione iniziale degli insegnanti della Scuola secondaria di I e II grado.

Il provvedimento è stato varato, come afferma in una nota il Ministero, al termine di un’articolata interlocuzione con la Commissione europea e dopo il confronto con i sindacati e l’acquisizione dei pareri degli organi consultivi rappresentativi del mondo della scuola e di quello accademico, di cui sono stati recepiti molteplici suggerimenti e indicazioni.

Il percorso formativo standard prevede l’acquisizione di almeno 60 CFU (Crediti Formativi Universitari)/CFA (Crediti Formativi Accademici). Gli altri percorsi, pari a 30 o 36 crediti formativi, sono rivolti a chi abbia già svolto un servizio di almeno tre anni scolastici e a coloro che abbiano conseguito 24 CFU/CFA in base al previgente ordinamento.

Di questo e di molto altro sarà al centro della puntata speciale di Question Time su Facebook e YouTube. In collegamento Sonia Cannas, docente ed esperta in politica scolastica. Conduce Andrea Carlino.

Le risposte alle vostre domande

03:22 Intervista con Mario Pittoni 18:36 30, 36, 60 CFU, facciamo chiarezza 22:40 Aggiornamento sui dottori di ricerca 23:31 Sono specializzato sul sostegno, devo conseguire per partecipare al concorso 30 o 36 cfu? 25:16 Quali enti erogheranno i restanti 36 cfu? 26:14 Cosa succede per chi ha 3 anni di precariato in una classe di concorso e possiede i 24 cfu? 27:39 I corsi da 30, 36 e 60 CFU saranno a numero programmato? 30:11 A me non è chiaro il percorso dei 30 CFU per chi possiede già abilitazione su altro grado di scuola 31:14 Nel 2017 ho conseguito 60 CFU con un master di I livello. C’è la possibilità che mi vengano riconosciuti tutti? 33:22 Serviranno ancora i 24 CFU per immettersi in graduatoria? 36:22 Se dovessi passare il prossimo concorso, per accedere al percorso da 30 CFU dovrei anche sostenere un test per entrare? 36:42 Spiegate il significato della riserva dei posti per chi ha un contratto di docenza 37:56 Per chi ha il titolo di specializzazione sul sostegno, cosa può fare? 38:52 Con i 60 CFU o 36 di integrazione ai 24, non si fa più il concorso o il concorso ci vuole sempre? 41:03 I corsi saranno compatibili con le lezioni al mattino? 42:17 Dovremmo pagare i 60 CFU? 43:05 La compatibilità è prevista con il TFA sostegno? 47:44 I corsi saranno in presenza e/o online? Fatti da università pubbliche e/o anche private? 50:00 Sarà universale il percorso dei 60 CFU per qualsiasi classe di concorso?

Gli altri punti principali del DPCM:

– È previsto un rigoroso sistema di accreditamento affidato all’Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca (ANVUR), che definisce i percorsi di contenuto, le procedure di monitoraggio sul livello qualitativo della formazione e la valutazione finale degli aspiranti docenti.

– Tutti i nuovi percorsi si concluderanno con l’esame finale: una prova scritta e una lezione simulata, il cui superamento garantirà ai candidati il conseguimento della formazione professionalizzante delineata dagli standard minimi del docente abilitato, grazie alle modalità di svolgimento della prova e alla specifica composizione prevista per la commissione giudicatrice.

– I percorsi formativi saranno oggetto di una valutazione periodica “ex post” da parte dell’ANVUR che, per assicurare omogeneità della qualità dell’offerta formativa da parte delle università, terrà conto del “tasso di successo” dei nuovi abilitati alle procedure di reclutamento per la scuola.

WhatsApp
Telegram
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.

Storia di Giacomo Matteotti che sfidò il fascismo: una grande lezione di educazione civica per tutti. Webinar gratuito