“Dovete uccidere quelle maestre”, 23 indagati per post Facebook di odio

Sono 23 gli indagati e sono quasi tutti grossetani. “Dovete uccidere quelle maestre”, “Vanno linciate”, “la prigione non basta per quelle…”

Le persone coinvolte sono state indagate per le offese rivolte sui social ad alcune insegnanti di un asilo finito al centro di un’inchiesta della Procura di Grosseto per maltrattamenti.

A parlare della vicenda è Il Tirreno.

L’ipotesi nei confronti dei 23 indagati è diffamazione e istigazione a commettere altri reati: i messaggi pubblicati non contengono solo parole di odio nei confronti delle donne finite sotto processo ma, secondo il magistrato, avrebbero potuto spingere qualcuno a fare loro del male.

Docenti neoassunti, formazione su didattica digitale integrata. Affidati ad Eurosofia per acquisire le competenze richieste