Dove sono finiti i Fas per la messa in sicurezza delle scuole? Allentare il patto di stabilità

Stampa

red – Si pone il quesito la deputata del Partito Democratico Caterina Pes che denuncia il mancato arrivo dei finanziamenti promessi per la messa in sicurezza di centinaia di edifici scolastici paria 33 milioni. Mentre, la responsabile PD del comparto scuola, Francesca Puglisi chiede una allentamento del patto di stabilità per svincolare investimenti per l’edilizia scolastica.

red – Si pone il quesito la deputata del Partito Democratico Caterina Pes che denuncia il mancato arrivo dei finanziamenti promessi per la messa in sicurezza di centinaia di edifici scolastici paria 33 milioni. Mentre, la responsabile PD del comparto scuola, Francesca Puglisi chiede una allentamento del patto di stabilità per svincolare investimenti per l’edilizia scolastica.

"Le risorse, individuate attraverso i fondi Fas – ha ricordato Caterina Pes nel corso di una conferenza stampa – erano stati annunciati nel corso di una conferenza di servizio dall’allora ministro Fitto. Fondi indispensabili per l’adeguamento e la messa in sicurezza di centinaia di edifici scolastici in tutto il Paese"

I fondi ammontavano complessivamente ad oltre 398 milioni di euro ed erano finalizzati proprio a fronteggiare le emergenze strutturali degli edifici. "Nel primo programma stralcio erano stati spesi l’11 per cento di quelle risorse, nel secondo il 33 per cento – ha aggiunto la deputata Pes – poi non si è capito che fine abbiano fatto i fondi. Sono scomparsi nel nulla. Oggi noi come Pd denunciamo questa assurda situazione e ci facciamo portavoce delle istanze delle amministrazioni locali che da anni attendono quei denari per mettere in sicurezza la maggioranza degli istituti scolastici della provincia di Oristano, alcuni dei quali sono oramai fuori norma. Vigileremo e ci attiveremo – ha concluso – per capire che fine hanno fatto quelle importanti risorse".

Ma non basta, la responsabile PD del comparto scuola, Francesca Puglisi, diede tra le misure per rilanciare la crescita di allentare il patto di stabilità interno per quei comuni virtuosi che hanno risorse in cassa e investono per la manutenzione ordinaria e straordinaria delle scuole. Si tratterebbe, secondo la Puglisi, di "quattro miliardi e mezzo di euro per attivare migliaia di piccoli cantieri e nuova occupazione, rispondendo ad una grande emergenza nazionale: la sicurezza delle scuole"

Stampa

Preparazione concorsi e TFA Sostegno con CFIScuola!