Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Dove inserire l’ISEE nella domanda di assegno unico?

WhatsApp
Telegram
Isee

L’ISEE non va inserito nella domanda di assegno unico per i figli ma è fondamentale averlo per ricevere l’intera cifra spettante.

Il 2022 si presenta con molte novità, prima fra tutte l’assegno unico e universale per i figli a carico che prenderà il via da marzo e che prenderà il posto dell’assegno al nucleo familiare, delle detrazioni figli a carico e di numerosi altri bonus a sostegno della genitorialità. Rispondiamo ad una nostra lettrice che ci scrive al riguardo:

Nella compilazione online non mi viene richiesto l’ISEE e non so dove inserirlo. Dove inserire l’ISEE nella domanda dell’assegno unico? 

Assegno unico e ISEE

Per avere diritto all’importo pieno spettante con l’assegno unico è necessario essere in possesso dell’ISEE in corso di validità. In mancanza dell’Isee, infatti, l’assegno unico viene corrisposto nel suo importo base (quello spettante ai nuclei familiari con indicatore economico con importo superiore ai 40mila euro) di 50 euro al mese per ogni figlio.

Ma l’ISEE non va inserito nella domanda di assegno unico. L’importante è possederlo poichè l’INPS tramite i suoi archivi e data base risalirà in autonomia all’attestazione in cui il codice fiscale dei figli (inseriti nella domanda) è presente. Per questo motivo l’attestazione necessaria è sempre quella del nucleo familiare in cui sono presenti i figli. Anche in caso che a presentare domanda di assegno unico sia il genitore che non convive con i figli, infatti, sarà necessaria l’attestazione ISEE dell’altro genitore, quello presente nel nucleo familiare dei figli.

In fase di compilazione della domanda, quindi, l’ISEE non va inserito da nessuna parte. Importante, però, è averne uno in corso di validità entro il 28 febbraio per ricevere fin da marzo la cifra piena spettante. In alternativa va attestato il proprio ISEE entro il 30 giugno (da marzo a giugno si percepirà l’assegno base di 50 euro e a luglio si avrà diritto alla corresponsione degli arretrati a partire da marzo della differenza spettante.

 

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur