Dottorato di ricerca come abilitazione all’insegnamento, i requisiti richiesti. Mauro (Forza Italia): sarebbe una svolta nel nostro Paese

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il senatore di Forza Italia Giovanni Mauro, segretario alla Presidenza del Senato ha presentato un emendamento alla Legge di Bilancio 2018, volto a riconoscere il titolo di dottore di ricerca equivalente all’abilitazione all’insegnamento nelle scuole secondarie di primo e secondo grado.

“Coloro i quali sono in possesso del titolo di dottore di ricerca e hanno insegnato presso le università per almeno quattro anni, anche come docenti a contratto – afferma il Sen. Mauro – dovrebbero essere abilitati all’insegnamento.

L’abilitazione conseguita dovrebbe consentire ai dottori di ricerca l’accesso diretto alle graduatorie d’istituto di Seconda Fascia e dovrebbe permettere l’insegnamento nelle scuole secondarie di primo e secondo grado. A mio avviso, il titolo di dottore di ricerca dovrebbe essere abilitante per le classi di concorso attinenti al settore scientifico-disciplinare del dottorato conseguito”.

Prosegue Mauro “l’approvazione dell’emendamento rappresenterebbe un’autentica svolta per l’insegnamento nel nostro Paese. Ma, soprattutto, sanerebbe un vulnus  nella carriera di numerosi docenti italiani, che, nonostante l’esperienza nazionale e internazionale e la preparazione di altissimo profilo, vivono un paradosso inaccettabile: rischiano, infatti, di restare ai margini del mondo dell’università e della scuola”.

Ne dà notizia L’opinone delle libertà.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione