Dormire bene per studiare meglio: il consiglio dell’esperto agli studenti

WhatsApp
Telegram

Numerosi studi hanno dimostrato che il sonno svolge un ruolo cruciale nel consolidamento della memoria. Ciò che si apprende durante le ore di studio può essere efficacemente immagazzinato e radicato solo se si dorme bene. Al contrario, un sonno disturbato può compromettere le prestazioni scolastiche e i voti.

La minore ‘produttività’ nello studio non è legata alla sonnolenza, ma alla maggiore distraibilità e alla minore attenzione”, spiega Ferrini Strambi all’Adnkronos Salute. “Con un sonno disturbato si è meno ‘connessi’ perché una delle funzioni fondamentali del sonno è far riposare le zone anteriori – frontali e prefrontali – del cervello, importantissime per le funzioni esecutive e il controllo delle emozioni”.

Dormire a sufficienza, quindi, significa consentire a queste aree cerebrali di funzionare al meglio durante il giorno, garantendo la concentrazione necessaria per affrontare gli esami.

Il consiglio dell’esperto agli studenti è dunque chiaro: dormire bene non è solo un piacere, ma una necessità per ottimizzare le proprie capacità di apprendimento e ottenere risultati scolastici soddisfacenti.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri