Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Dopo la pensione è possibile continuare a fare supplenze?

WhatsApp
Telegram

Una volta in pensione è possibile continuare a fare supplenze presentando la MAD.

Per poter essere incaricati di una supplenza è necessario essere inseriti in una graduatoria. Vediamo quali possono essere le possibilità per un docente pensionato di poter continuare a lavorare nel mondo della scuola rispondendo alla domanda di un nostro lettore che ci scrive:

Sono un docente di scuola primaria in pensione dal 1 settembre con la vecchiaia. Chiedo vista la necessità degli Istituti se posso fare supplenze. Grazie

Supplenze dopo la pensione

Partiamo subito col dire che dal punto di vista normativo il lavoro dopo la pensione è possibile. Ovviamente ci sono misure, come la quota 100, 102 e 41, che lo vietano a prescindere per un determinato periodo di tempo.

Ma nella generalità dei casi è possibile cumulare redditi da pensione con quelli da lavoro senza che la pensione ne risenta economicamente. Detto questo, quindi, vediamo quando è possibile continuare a lavorare nel mondo della scuola.

Per essere incaricati di una supplenza bisogna iscriversi alle GPS che, però, hanno un limite di età. Possono rientrarci coloro che hanno un’età compresa tra i 18 ed i 67 anni. DI fatto, quindi, chi ha compiuto i 67 anni non può chiedere l’inclusione in queste graduatorie.

Per chi ha compiuto i 67 anni e non può più essere inserito nelle graduatorie per accettare incarichi di supplenza, però, c’è un’alternativa, ovvero la MAD, la Messa a Disposizione. Questa può essere presentata senza il possesso di particolari requisiti e fino al compimento dei 71 anni.

Finite le GPS, infatti, se c’è bisogno di personale gli istituti attingono dalle MAD che sono state presentate. Può fare, quindi, supplenze solo presentando la sua messa a disposizione agli istituti.

E’ doveroso aggiungere, però, che è pur vero che la MAD non ha limiti di età fino a 71 anni, ma la scuola che utilizzasse un criterio che contravvenga ai criteri dell’ordinanza è veramente fuori luogo, a fronte di tanti candidati con i requisiti richiesti. Discorso diverso, invece, se, come premette lei per necessità, gli istituti incarichino supplenti pensionati in mancanza di altri candidati idonei.

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur