Dopo immissioni in ruolo ci sono ancora posti vacanti. Mida: Oltre al danno, la beffa

Di
WhatsApp
Telegram

Comunicato movimento Mida precari – Il Mida Precari apprende con sdegno e preoccupazione la notizia trasmessa dal Tg1 di domenica 13 settembre, secondo la quale, nonostante il piano assunzionale, esistono "cattedre libere perché mancano docenti abilitati, motivo per cui ci sarà il concorso".

Comunicato movimento Mida precari – Il Mida Precari apprende con sdegno e preoccupazione la notizia trasmessa dal Tg1 di domenica 13 settembre, secondo la quale, nonostante il piano assunzionale, esistono "cattedre libere perché mancano docenti abilitati, motivo per cui ci sarà il concorso".

 

80.000 docenti abilitati di Stato, con pluriennale esperienza nel mondo della scuola, ci sono già, e sono mesi che a gran voce rivendicano la stabilizzazione che spetta loro di diritto!
Sdegno perché ancora una volta si dicono delle bugie sulla categoria, preoccupazione perché il telegiornale più visto d'Italia mistifica la realtà.

Questo concorso si fa perché non c'è la volontà politica di sanare una situazione indecente, non perché mancano professionisti abilitati e ciò deve essere noto a tutti.
Se anche quest'anno la scuola pubblica funzionerà, non sarà stato merito di Renzi, ma solo ed esclusivamente dei docenti precari di II fascia d'Istituto, abilitati di Stato aggiornati e qualificati con esperienza pluriennale, ingiustamente esclusi dal piano di assunzione 2015, che senza un motivo logico saranno costretti a rifare un concorso per poter continuare a lavorare.
Il Mida Precari chiede una immediata rettifica di quanto affermato e, al più presto, il diritto di replica. 

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur