Donne vittime di violenza, CCNL prevede 90 giorni di congedo retribuito

di redazione
ipsef

item-thumbnail

L’articolo 18 del CCNL 2016/18 prevede il congedo per le donne vittime di violenza.

A chi spetta

Il congedo spetta alla lavoratrice inserita nei percorsi di protezione relativi alla violenza di genere, debitamente certificati, ai sensi dell’art. 24 del d. lgs. n. 80/2015.

Il periodo massimo di congedo fruibile è pari a 90 giorni  lavorativi, da fruire nell’arco temporale di tre anni, decorrenti dalla data di inizio del percorso di protezione certificato.

Richiesta

La richiesta va presentata al datore di lavoro con un preavviso non inferiore a sette giorni di calendario e con l’indicazione dell’inizio e della fine del relativo periodo.

Trattamento economico

Alla lavoratrice, che usufruisce del congedo succitato, spetta la medesima retribuzione prevista  per il congedo di maternità.

Il periodo di congedo fruito è computato ai fini dell’anzianità di servizio, non riduce le ferie ed è utile ai fini della tredicesima mensilità.

Modalità fruizione

Il congedo, da parte dei lavoratori della scuola e dell’Afam, va fruito su base giornaliera.

Cumulo con aspettativa per motivi familiari e personali

Il congedo in questione può essere cumulato  con l’aspettativa per
motivi personali e familiari per un periodo di ulteriori trenta giorni.

Le amministrazioni, leggiamo nel CCNL, ove non ostino specifiche esigenze di servizio, agevolano la concessione dell’aspettativa, anche in deroga alle previsioni in materia di cumulo delle aspettative.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione