Donne a rischio arretramento lavorativo, per Fratelli d’Italia bisognerebbe riprendere attività scolastica fino a luglio

di redazione

item-thumbnail

“Il lockdown e la fase2, connessi alla  mancanza cronica di un welfare adeguato, potrebbe creare un corto  circuito e riportarci indietro, negli anni ’50, con il rischio della  segregazione femminile”

Gli uomini a lavoro e le donne a casa. Per  questo Fratelli d’Italia ha proposto, per gestire la fase 2 ed il  dopo, un programma articolato di interventi, a sostegno delle famiglie e delle donne lavoratrici, tra i quali la ripresa dell’attività  scolastica (fino a luglio) a classi sdoppiate per scuola primaria e  media inferiore, mentre per la fascia 0-6 anni, il potenziamento dei  bonus baby sitter e l’allungamento dei congedi parentali retribuiti  all’80 per cento“.

Così il vicepresidente vicario e responsabile del dipartimento Famiglia e Pari Opportunità di Fratelli d’Italia, Isabella Rauti, durante la diretta del Corriere della Sera Extramamme.

Versione stampabile
Argomenti:

soloformazione