Domande concorsi e graduatorie, per ITP di conversazione impossibile reperire documenti in 15 giorni. Lettera

Lettera

Inviata da Magali Leone e Carolina Paez – Gentilissima Ministra Azzolina, faccio parte dei tanti docenti precari che dal 22 Luglio al 6 Agosto non hanno dormito perché indaffarati a compilare correttamente la domanda per le nuove Graduatorie Provinciali, oltre che per il Concorso Ordinario e Straordinario Scuola 2020, questi con scadenza il 31 Luglio e il 10 Agosto rispettivamente. La cosa veramente straordinaria di questo concorso sono i requisiti di accesso e documenti da allegare, impossibili da reperire in 15 giorni.

Insegno conversazione francese, classe di concorso BA02. Per noi docenti ITP di conversazione questa volta, senza preavviso, viene richiesta l’equipollenza e la dichiarazione di valore del nostro unico requisito d’accesso: il diploma di scuola secondaria di secondo grado, necessariamente conseguita all’estero. In assenza di questi documenti, moltissimi docenti presenti nelle graduatorie d’istituto da anni e anche quelli che già hanno esperienza pluriennale, non si sono potuti iscrivere né al concorso, né alla graduatoria.

Tali documenti vengono inoltre, di norma, rilasciati da un’ambasciata o un consolato italiano nei nostri paesi di origine. Non è difficile immaginarsi cosa comporti questo per un docente diplomato, ad esempio, in America o Australia.

Il tempo per ottenere i documenti richiesti può facilmente superare l’anno di attesa, speso in buona parte tra burocrazia, notai, ministeri, traduttori giurati, etc.

Per non parlare del costo che implicano i documenti stessi, le traduzioni giurate e i viaggi per raggiungere i consolati, presenti pressoché solo a Roma o Milano, un costo che sicuramente andrebbe oltre ciò che ci permette di sopravvivere tutte le estati: la disoccupazione.

In più i tempi burocratici e l’accesso agli uffici sono ulteriormente aggravati a causa della pandemia, tanto da non essere in grado di prendere un appuntamento con un sindacato presso il quale siamo regolarmente iscritte.

Sono giorni che io e i miei colleghi chiamiamo ininterrottamente consolati, ambasciate, uffici scolastici, sindacati, scuole, uffici fantasma per avere informazioni.

Ad agosto del 2020, quando i pochissimi uffici che sono rimasti aperti sono affollati e ad altissimo rischio di assembramenti, come ci saremmo dovuti comportare? Tra l’altro, i nostri paesi d’origine sono attualmente irraggiungibili, e gli uffici a noi utili sono chiusi o irreperibili.

Chiediamo una proroga dei documenti richiesti, chiaramente non conseguibili nei tempi predisposti, o un’ammissione con riserva sia per l’aggiornamento delle graduatorie sia per il concorso ordinario e straordinario per gli ITP di conversazione.

Controfirmano questa lettera alcuni miei colleghi madrelingua, ma sono sicura di parlare a nome anche degli altri docenti ITP di conversazione presenti in tutta Italia. Il 31 luglio è scaduto il concorso ordinario, domani 6 agosto scade l’aggiornamento delle graduatorie e il 10 agosto scade quello straordinario. Probabilmente la maggior parte delle richieste verrà inviata incompleta, o con autocertificazioni o traduzioni dei diplomi fatti da noi stessi per i motivi espressi in questa lettera.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia