Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Domanda condizionata del docente soprannumerario: le preferenze interprovinciali non fanno perdere la precedenza per il rientro nella scuola di ex-titolarità

WhatsApp
Telegram

Il docente soprannumerario per usufruire della precedenza per il rientro nella scuola di ex-titolarità deve presentare domanda condizionata. Le preferenze interprovinciali non invalidano la domanda

Un lettore ci scrive:

Nell’anno scolastico 2021/22 sono stato trasferito a domanda condizionata in un’altra scuola della provincia di titolarità. Con la mobilità 2022/23 vorrei usufruire della precedenza per il rientro nella scuola di precedente titolarità e chiedere contemporaneamente anche il trasferimento interprovinciale. É possibile indicare prima preferenze per altre province e poi la scuola di precedente titolarità senza perdere la precedenza per il rientro nella scuola di precedente titolarità?

La risposta al quesito del nostro lettore è sicuramente affermativa.

L’inserimento di preferenze interprovinciali prima di quella relativa alla scuola di ex-titolarità non determina, infatti,  la perdita della precedenza per il rientro se il docente non può essere soddisfatto per nessuna delle preferenze interprovinciali indicate nella domanda

Preferenze provinciali e interprovinciali  nella domanda condizionata

Il docente che condiziona la domanda per usufruire della precedenza per il rientro nella scuola di ex-titolarità, può inserire anche preferenze interprovinciale e deve seguire precise regole per l’inserimento delle preferenze provinciali

Nell’ambito della provincia di titolarità è necessario inserire come prima preferenza la scuola di ex-titolarità o direttamente, tramite preferenza sintetica, il comune di precedente titolarità.

E’ possibile, chiaramente, indicare anche preferenze provinciali relative a comuni diversi da quello di titolarità, purché il docente esprima, comunque, tra le preferenze, anche il codice relativo all’intero comune di titolarità  prima dei codici relativi ad altri comuni, sia di singola scuola, sia sintetici, all’interno della provincia di titolarità.

Se nella stessa domanda si indicano sia preferenze puntuali sia sintetiche per altra provincia, il codice relativo all’intero comune di titolarità deve necessariamente essere indicato prima delle preferenze provinciali relative ad altri comuni. In caso contrario le preferenze relative ad altri comuni della propria provincia di titolarità sono annullate.
In caso di domanda condizionata qualora siano espresse preferenze interprovinciali prima di quelle della propria provincia il docente non viene riassorbito se vengono soddisfatte le preferenze
interprovinciali.

Conclusioni

Il nostro lettore, quindi, potrà inserire nella domanda condizionata preferenze interprovinciali prima di quella relativa alla scuola di precedente titolarità.

Se sarà soddisfatto per una delle preferenze interprovinciali non potrà più usufruire della precedenza per il rientro nella scuola di ex-titolarità

Se, invece, non ci saranno disponibilità nelle preferenze interprovinciali inserite, nella valutazione  della domanda potrà usufruire della precedenza per il rientro nella scuola che risulta inserita come prima scelta tra le preferenze provinciali

WhatsApp
Telegram
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.

TFA sostegno VII ciclo, corso di preparazione valido per preselettiva, scritto ed orale. Con esempi. Ultimi giorni a prezzo scontato