Docenti vincolati si appellano a Bianchi: “Dateci l’assegnazione provvisoria. Vogliamo avvicinarci ai nostri affetti” [VIDEO]

Stampa

Le speranze sono al lumicino. Ma non si arrendono i docenti sottoposti al vincolo quinquennale che insistono nella loro battaglia per ottenere l’avvicinamento ai propri cari. L’ultima chiamata potrebbe essere il decreto sostegni bis. Ecco perché il coordinamento nazionale dei docenti vincolati ha inviato una lettera al Ministro Bianchi.

Una lettera anzi imbucata all’interno della cassetta della posta della residenza del numero uno di viale Trastevere, proprio per provare a smuovere le acque il prima possibile, spiegano i docenti alla nostra redazione.

La lettera, firmata e imbucata dalla docente Alessandra Galati, ricorda al Ministro che i vincolati sono docenti “che desiderano continuare ad insegnare con passione e lo faremmo ancor con più dedizione e serenità, se fosse possibile avvicinarsi ai propri affetti in modo da poter garantire un’ottima qualità e continuità didattica contemperando le esigenze d’accudimento dei propri familiari siano essi figli, coniugi o genitori anziani“.

Chiediamo un Suo intervento diretto affinché si possa giungere ad un’equa soluzione alla nostra questione, riconoscendo la priorità come bene primario della famiglia e il ruolo insostituibile al suo interno di entrambi i genitori, con la concessione delle assegnazioni provvisorie e aspettative art. 36 e art. 59 CCNL e relativi incarichi a T. D. – utilizzazioni ex art 36, se riterrà opportuno inserendole nelle indicazioni operative delle convocazioni da Gps o con provvedimento dedicato“, prosegue l’insegnante Galati. 

Risulta noto che la stragrande maggioranza dei docenti vincolati desidera spostarsi all’interno della regione ove ha concorso, ciò non può e non deve precludere che ci si possa possano muoversi anche in altra regione, come da sempre garantito dal democratico Stato italiano“, continua la missiva al Ministro Patrizio Bianchi. 

La docente Galati imbuca la lettera per il Ministro [IL VIDEO]

LA LETTERA PER IL MINISTRO

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur