Docenti umiliati e sfregiati, Anief: ecco come una professione fondante è stata portata al decadimento

WhatsApp
Telegram

La scuola entra nelle case degli italiani per i fatti di cronaca e non per il ruolo centrale che svolge per la formazione dei cittadini.

È di poche ore fa l’aggressione a una docente in classe da parte di un alunno di Acerra che, per contestare una nota disciplinare, ha sfregiato la professoressa al volto con un coltello. Si tratta solo dell’ultimo caso di violenze subìte da una categoria sempre più bistrattata. “Stiamo assistendo a fatti gravissimi e sconcertanti, attuati contro dei pubblici ufficiali, quali sono gli insegnanti nell’esercizio delle loro funzioni, che operano per il bene della collettività scolastica e della società tutta”, commenta Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario confederale Cisal.

 

“È un dato di fatto che fare l’insegnante– spiega il sindacalista autonomo – equivale a essere esposti a pericoli di questo genere, soprattutto nelle aree del Paese più deprivate a livello culturale. La scuola in determinati territori rappresenta una di quelle poche istituzioni che agiscono in modo diretto per il rispetto delle regole, la trasmissione della cultura e per rimarcare i valori cardini costituzionali dello Stato, imprescindibili, che vanno trasmessi a costo di risultare ‘antipatici’. Le famiglie e gli studenti che non sopportano questo genere di messaggi, finalizzati alla formazione dei cittadini e all’agire nella legalità, possono così reagire in malo modo, anche violento. A loro volta, infatti, questi cittadini cercano di imporre il loro codice di comportamento che opera nella devianza”.

 

“Va poi rimarcato – continua Pacifico – che dietro a certi episodi, purtroppo ricorrenti e non più isolati, si insinua lo scadimento sociale del ruolo del docente. Su questo versante, ha contribuito non poco il trattamento economico sempre peggiore che i vari Governi hanno riservato a chi opera nella scuola. E pagando un insegnante meno di un impiegato, si arriva a deprezzare il suo ruolo al centro della società. Anche il rinnovo del contratto in corso, che comunque vada porterà aumenti insignificanti a docenti e Ata, va in questa direzione”.

 

“Non dare il giusto rilievo al ruolo fondamentale e alle preziose competenze messe quotidianamente a disposizione delle nuove generazioni per la loro crescita formativa e culturale – conclude Marcello Pacifico – significa produrre altre spallate all’autorevolezza di chi fino a pochi anni fa veniva giustamente considerato quasi un eroe. Ora, invece, si arriva a colpirlo in tutti i modi: a parole e fisicamente”.

WhatsApp
Telegram

Gli Istituti Tecnici Superiori (ITS) sono un’opportunità professionale anche per gli insegnanti. Tutte le informazioni qui e su TuttoITS.it