Docenti specializzati e genitori: affrontiamo l’emergenza sostegno

Stampa

Il Movimento Nazionale Docenti Specializzati e Specializzandi sul Sostegno – Il “Movimento Nazionale Docenti Specializzati e Specializzandi sul Sostegno” segue con particolare attenzione il dibattito in corso nella 7^ Commissione permanente del Senato, relativamente alle procedure concorsuali che riguardano i docenti Specializzati sul Sostegno.

Ringraziamo tutte le forze politiche della maggioranza e dell’opposizione per l’attenzione che hanno riservato all’“Emergenza Sostegno”. Al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica in merito all’“Emergenza Sostegno”, abbiamo promosso una serie di dirette Facebook, nelle quali sono stati già ospitati interventi qualificati di associazioni e genitori.

La presidente dell’Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici (ANGSA) Campania, Claudia Nicchiniello, ha trattato il tema dell’emergenza della Didattica a Distanza per il Sostegno, evidenziando la necessità di una presenza diretta del docente specializzato, anche a domicilio, secondo la Legge 104/92; in vista del rientro a settembre, è indispensabile il “riferimento stabile” del docente di Sostegno. La difficoltà nei passaggi
di grado tra i diversi ordini di Scuola, per l’avvicendamento continuo dei docenti non specializzati, è stata analizzata da Flavia Improta, presidente del Movimento Genitori del Terzo Municipio di Roma e Vicepresidente AREF ONLUS; incontestabile la ricaduta dell’avere un docente di ruolo stabile sia nella Scuola Primaria che nella Secondaria, cioè della continuità didattica. Il già consigliere comunale di Roma, Nello Angelucci, si è espresso sul ruolo fondamentale del caregiver, che deve essere affiancato da figure di
riferimento stabili e formate per il Progetto di Vita, ossia docenti ed educatori, affinché i genitori non siano lasciati soli. Il cooperatore sociale Giorgio Bonfanti ha affrontato la problematica della realizzazione del Progetto di Vita, vissuta da alunni con differenti tipologie di disabilità. La nostra “mission” comunicativa non è finita: nella prossima diretta
Facebook ascolteremo la testimonianza di Vincenzo Abate, presidente dell’Associazione La Forza del Silenzio.

Intendiamo portare un contributo concreto alla battaglia di civiltà per il diritto delle alunne e degli alunni con disabilità a fruire di un percorso formativo di qualità e di una continuità didattica triennale o quinquennale. Solo l’immissione in ruolo di tutti i docenti Specializzati,
presenti ancora nelle Graduatorie ad Esaurimento e nelle Graduatorie di Merito, e di quelli provenienti dal III e dal IV Ciclo TFA Sostegno (per un totale di circa 20.000 Specializzati), può garantire i diritti degli studenti con disabilità e delle loro famiglie.

Il “Movimento Nazionale Docenti Specializzati e Specializzandi sul Sostegno” confida nell’attenzione continua e dialogante da parte delle associazioni dei genitori delle alunne e degli alunni con disabilità, dei parlamentari e dei sindacati, peraltro già manifestata con la
presentazione di diversi emendamenti finalizzati ad affrontare l’”Emergenza Sostegno”.

Auspichiamo che la nostra battaglia di civiltà sia sostenuta da tutte le forze politiche e sociali, con l’unico obiettivo di garantire a ogni studentessa e a ogni studente con disabilità la migliore istruzione possibile, nel rispetto del loro Progetto di Vita, e la certezza della continuità didattica. Riponiamo concrete speranze nella mediazione del Presidente del Consiglio, Prof. Giuseppe Conte, titolare della Delega sulla disabilità: gli Specializzati sul
Sostegno non aspirano ad immissioni in ruolo “immeritate”, dato che sono stati selezionati rigorosamente attraverso prove concorsuali caratterizzate da una media dell’80% di bocciati, e formati attraverso il superamento di numerosi esami e una concreta esperienza di tirocinio nelle Scuole “accoglienti”. I docenti specializzati sul Sostegno sono al fianco
delle madri e dei padri che, ogni giorno e in tutte le sedi, lottano per il diritto ad un’istruzione di qualità per le loro figlie e per i loro figli.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia