Docenti senza stipendi, una drammatica testimonianza: “So di colleghi che hanno venduto i gioielli per mangiare”

WhatsApp
Telegram

Davide Negro, un docente di sostegno a Torino, si è trovato a dover fare i conti con una situazione finanziaria disastrosa a causa del ritardo nei pagamenti degli stipendi. Non solo lui, ma molti colleghi sono in difficoltà economica e hanno dovuto fare sacrifici estremi per arrivare a fine mese.

Davide racconta di non aver percepito il compenso degli ultimi due mesi di scuola. La sua condizione è resa ancora più difficile dal caro vita degli ultimi tempi e dall’affitto da pagare. La sua famiglia è costretta a tagliare su tutto, e il budget per la spesa è ridotto all’osso.

La situazione è così drammatica che alcuni colleghi di Davide hanno addirittura venduto i gioielli per poter mangiare. La mancanza di stipendio ha costretto molti supplenti a dover rinunciare alle ferie, privandosi di momenti di riposo e relax che sarebbero stati necessari dopo un anno di lavoro.

Davide si domanda come sia possibile che istituzioni importanti come le scuole permettano situazioni del genere. Ogni anno si ripetono i ritardi nei pagamenti, e le misure adottate finora non sembrano risolvere il problema. L’impegno e il sacrificio dei docenti sembrano non essere riconosciuti e valorizzati adeguatamente.

Davide e molti altri supplenti si sono organizzati creando gruppi di supporto e scambiandosi informazioni sulle eventuali soluzioni. Tuttavia, la situazione resta difficile e la speranza per un cambiamento concreto è ancora lontana. L’unico piano possibile per ora è continuare ad aspettare e sperare di ottenere nuove supplenze o un contratto più stabile in futuro.

La testimonianza di Davide è un grido d’allarme per le istituzioni e le autorità competenti. È necessario trovare soluzioni concrete e tempestive per garantire agli insegnanti il giusto riconoscimento economico per il loro lavoro e per evitare che molti di loro si trovino in difficoltà economica.

Leggi anche

“Se non vengo pagata, ho il diritto di presentarmi al lavoro?” La storia di una precaria della scuola: “L’unica soluzione per far fronte alla situazione è una ribellione collettiva”

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri