Docenti precari senza stipendio: “Abbiamo le tasche vuote”. L’annosa questione che si ripete anno dopo anno [VIDEO REAZIONI]

WhatsApp
Telegram

La denuncia di Martina, tramite la nostra redazione, in merito agli stipendi dei precari non pagati (soprattutto per quanto riguarda le supplenze brevi), non è isolata. Sono molti i lettori che ci segnalano tramite mail e Facebook la propria situazione.

Denuncia situazione precari della scuola con stipendi bloccati. Lettera

C’è il caso di Luigi: “Supplente al 12 giugno…….bloccato da maggio…..stamattina a scuola mi hanni risposto che per loro è tutto a posto….in realtà non hanni ancora nenache autorizzato……che vergogna….”

Mina spiega: “Si anche per me è così non mi è stato pagato maggio e giugno non so se mi verrà accreditato il 27 luglio”.

Francesca scrive: “Supplente breve con contratto all’8 giugno. Devo ancora percepire lo stipendio di maggio e giugno. Maggio dovrebbe rientrare nell’emissione del 19,giugno ancora non è pervenuto,ma la scuola ha autorizzato la rata il 5. Dopo un anno passato con l’ansia ogni mese di non percepire lo stipendio e ritardi iniziali di svariati mesi,questa è la ciliegina sulla torta. Si dovrebbero vergognare”

Monica sottolinea: “Maggio arrivato regolare il 29 giugno. Il problema è stato iniziare a settembre e ricevere lil primo stipendio a gennaio”.

Lucia denuncia: “Docente Covid stipendi di maggio e giugno bloccati! Vergogna E aggiungo Tfr dell’anno precedente pratica inesistente!”

Vito scrive: “Io, collaboratore scolastico, da metà meggio in poi. Quelli col reddito di cittadinanza invece ricevono l’accredito puntuale?”

Katia denuncia: “Anche io aspetto maggio e giugno. Per la naspi, l’inps vuole gli ultimi 4 cedolini”

Melania è nella stessa situazione di Martina: “Si…idem. contratto covid docente fino al 10 giugno, mancano stipendio di maggio e giugno”

Chiara non usa mezzi termini: “Buongiorno. Io ho avuto un contratto Covid in una scuola secondaria di primo grado: anch’io non ho ricevuto ne’ lo stipendio di Maggio, ne’ quello dei primi dieci giorni di Giugno. Questa situazione è molto umiliante”.

Rosa: “Ho fatto supplenza breve e anche a me risultano da pagare il Mese di maggio e di giugno ed entrambe i mesi sono in risorse di assegnazione da parte del miur! Davvero una situazione poco piacevole!”

Annelisa: “Sono collaboratrice scolastica supplente, il mio contratto terminava il 5/06. Ad oggi non ho ancora ricevuto nè Maggio né appunto i 5 giorni di giugno. La scuola dove ho lavorato ha confermato l’emissione relativa ai mesi di servizio prestato, ma a quanto pare noi supplenti non meritiamo di venire pagati puntuali.. Per fortuna oggi ho ricevuto il sussidio di disoccupazione, magra consolazione”.

Michela: “Sono una precaria storica infanzia…stipendio di ottobre e novembre  arrivato a dicembre quello di settembre arrivato a fine ottobre….ora di nuovo in attesa. La scuola ha fatto giusto e il miur ancora non eroga….ma le bollette le mando al miur??? il mutuo al nostro ministro??? le spese dei miei figli??? i libri ? A chi invio le spese???”

Martina: “Ho fatto due settimane di supplenza breve. Anche a me, come ho visto molte altre persone, non è arrivato lo stipendio”.

Francesco: “Ho insegnato da metà gennaio fino agli scrutini in una scuola superiore di secondo grado. Da subito gli stipendi arrivavano posticipati di un mese (e fin qui nulla da dire). Arrivati a giugno, stop. Nessun stipendio del mese di maggio e nemmeno giugno. La cosa che mi destabilizza è che attraverso l’app o il sito di NoiPa io non riesco a vedere i servizi e, quindi, i stipendiali. Non ho dunque idea a che punto siano i miei pagamenti. Ho provato a contattarli ma nulla”.

Maria Letizia: “Ho letto su fb l’invito a scrivere della propria situazione se simile a quella riportata. Ebbene ho lavorato come cs da dicembre fino al 31 Maggio, grazie ad una serie di proroghe che si sono susseguite. Ad oggi lo stipendio del mese di Maggio risulta bloccato alla voce “risorse in corso di assegnazione da parte del MIUR.” Ho scritto a Noipa senza sortire alcuna risposta. Che sconforto!”

Francesca: “Anche io con supplenza da gennaio al 30 giugno (esami di maturità compresi) non ho ancora ricevuto lo stipendio di maggio e giugno nonostante la scuola abbia approvato il pagamento i primi di giugno. Tutto è bloccato e sulla app di Noipa esce la dicitura: “In corso di assegnazione risorse da parte del MIUR” mentre ho chiesto al MIUR che sostiene di aver erogato i fondi e tutto è nelle mani di Noipa”. 

Dino: “Ho lavorato dal 2 ottobre al 24 giugno come supplente breve di tecnologia una scuola secondaria di primo grado di San Benedetto del Tronto (ISC SUD), ma a tutt’oggi ancora non sono stati pagati gli stipendi di maggio e giugno. E’ semplicemente una vergogna. Se con quegli stipendi ci dovevo vivere ero già morto da un pezzo”.

Elisa: “Mi trovo nella stessa situazione, in quanto, dopo aver terminato il mio rapporto di lavoro l’11 giugno, non ho tuttora percepito le mensilità di maggio e di giugno, le quali non sono nemmeno visibili su NoiPa. È degradante lavorare senza venire pagati ed è avvilente pensare di ricominciare a settembre senza certezze sugli stipendi. Penso che tra le molte problematiche della scuola da risolvere, questa sia tra le principali, perché docenti demotivati non possono svolgere bene il loro lavoro“.

Florence: “Ho lavorato dal 7 ottobre al 26 giugno come supplente breve di francese in una scuola secondaria di primo grado in provincia di Brescia ; i pagamenti degli stipendi sono stati regolari fino ad aprile ma sto ancora aspettando maggio e giugno. Purtroppo i solleciti delle bollette arrivano a me e non al caro ministro dell’istruzione ! Non ho mai fatto un giorno di malattia, un giorno di ferie ! Non è possibile vivere una situazione del genere, è vergognoso trattare in questo modo degli insegnanti che hanno lavorato tanto quanto chi è di ruolo e soprattuto hanno permesso alla scuola di andare avanti (senza supplenti tante scuole avrebbero avuto cattedre vuote!). Non chiediamo nulla di più di quello che ci spetta, non tra 3 mesi ma ORA!

Continuate a scriverci sui social e tramite mail all’indirizzo [email protected]

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur