Docenti precari: in ruolo solo per concorso? Al Ministero possibili aperture su altre soluzioni. Oggi sapremo

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Oggi i sindacati FLCGIL, CISL, UIL, SNALS e Gilda incontreranno il Ministro Bussetti e il Primo Ministro Conte.  Questione precariato sarà probabilmente uno dei temi affrontati. Sul piatto il futuro di migliaia di lavoratori.

Fino ad oggi il mantra del Ministro e di alcuni esponenti della maggioranza è stato l’ingresso nei ruoli del personale docente solo per concorso. In queste settimane si è lavorato al Ministero per consentire ai docenti precari con 36 mesi di servizio (tre annualità) di poter avere una percentuale di posti riservati che potrebbe arrivare anche al 35%, oltre a mantenere la possibilità di non conseguire i 24 CFU per poter accedere al concorso e di non svolgere la prova preselettiva.

Misure che non sono bastate ai docenti precari che hanno aderito allo sciopero dei sindacati indetto per il 17 di maggio.

Sindacati che si presenteranno sul tavolo delle trattative con delle proposte per risolvere questa spinosa questione.

Tra le soluzioni che saranno presentate, quella, caldeggiate dagli stessi precari, di un concorso straordinario non selettivo che permetterebbe di accedere ai ruoli così come già fatto per i diplomati magistrale e i docenti di II fascia con abilitazione.

Forti le pressioni sul Governo che potrebbe aprire ad una soluzione alternativa al solo concorso come canale di accesso.

Oggi si spera sarà sciolto il nodo dopo l’incontro con Conte e il Ministro Bussetti.

Concorso scuola secondaria: 48.536 posti, date, requisiti, prove e vincoli

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione