Docenti precari esclusi dall’aggiornamento GaE, Anief: vale la pena provare, meno di una settimana alla scadenza 

Stampa

Anief – Manca meno di una settimana alla scadenza della presentazione delle domande per l’aggiornamento delle Graduatorie ad esaurimento, collocata dal Miur al 16 maggio prossimo alle ore 14.00.

In base al Decreto Ministeriale n. 374 del 24 aprile scorso, entro quella data per decine di migliaia di docenti precari sarà possibile chiedere la permanenza e l’aggiornamento del punteggio con cui si è già inseriti in graduatoria; il reinserimento, riservato ai docenti depennati per non aver presentato domanda di aggiornamento nei bienni/trienni precedenti; la conferma dell’iscrizione con riserva o scioglimento della stessa; il trasferimento da una provincia ad un’altra, anche per i docenti inseriti con riserva.

Dall’aggiornamento, segnala Orizzonte Scuola, saranno esclusi i candidati che presentano la domanda fuori termine (dopo il 16 maggio ore 14.00); in modalità difforme da quella prevista, ossia tramite istanze online. Riguardo al secondo punto evidenziamo che alcuni Ufficiali provinciali hanno fornito indicazioni in merito ai docenti inseriti con riserva che non possono presentare domanda online, in quanto non censiti al SID, devono presentare domanda in modalità cartacea (sottolineiamo che ciò vale solo per gli USP che hanno pubblicato uno specifico avviso). Sono, inoltre, esclusi coloro che: non risultino in possesso dei requisiti prescritti; abbiano presentato la domanda di trasferimento nelle graduatorie ad esaurimento in più di una provincia. L’esclusione è disposta con riferimento alle dichiarazioni rese dal candidato nella domanda, alla documentazione prodotta ovvero agli accertamenti effettuati dalla competente autorità scolastica.

“In questi giorni – ricorda Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – abbiamo riscontrato un vero e proprio assalto alle nostre sedi territoriali, anche da parte di chi è inserito con riserva grazie ai provvedimenti cautelari ottenuti nei contenziosi pendenti. Il problema è che il campo dei requisiti indicati dal Miur sia stato eccessivamente ristretto, peraltro senza alcuna motivazione logica, vista l’altissima presenza di cattedre vacanti, ben superiore alle 100 mila e con la prospettiva di sfiorare le 200 mila già da prossimo mese di settembre. Invece di cogliere l’occasione per stabilizzare tanti precari storici e coprire l’exploit di posti liberi, proprio attraverso la finestra di aggiornamento delle GaE, l’amministrazione ha confermato una discutibilissima linea di conservatorismo, che sull’immediato comprometterà continuità didattica ed offerta formativa, e poi alla lunga costerà allo Stato somme consistenti per via dell’ondata di ricorsi in tribunale, sia per la stabilizzazione che per i risarcimenti danni, che sempre più insegnanti precari stanno producendo”.

Anief ha anche predisposto dei ricorsi in tribunale, da presentare subito, proprio per scongiurare le attuali esclusioni immediate dalla finestra di aggiornamento delle GaE. I ricorsi, da presentare in corrispondenza della data di scadenza imposta dal Miur, quindi entro il prossimo 16 maggio, riguardano chi con Anief ha già attivato tra il 2014 e il 2018 un ricorso per l’inserimento nelle GaE ma non è ancora stato immesso in ruolo o non è stato neanche inserito in GaE con riserva (chi è di ruolo, infatti, ancorché con riserva, non può rientrare in GaE e dovrà impugnare al Giudice del lavoro il decreto di licenziamento per essere confermato nel ruolo dopo aver superato l’anno di prova).

Ma le impugnazioni coinvolgono anche i docenti che non hanno mai ricorso con Anief per l’inserimento in GaE pur avendo presentato ricorso con altri legali (indipendentemente dall’inserimento con riserva) o non hanno mai ricorso per l’inserimento in GaE; coloro che sono a pieno titolo nella quarta fascia delle GaE e chiedono ora di passare in terza fascia; quelli che sono inseriti nella prima fascia delle graduatorie d’istituto, ma vogliono cambiare la provincia o le scuole d’inclusione; i docenti precari che intendono ottenere il riconoscimento del servizio militare prestato non in costanza di nomina.

Inoltre, possono ricorrere tutti coloro che sono in possesso dell’abilitazione, ovvero del diploma magistrale, ISEF, ITP, AFAM, chi si è abilitato presso le facoltà di scienze della formazione primaria (SFP), con il TFA o PAS o ancora all’estero, chi è risultato idoneo agli ultimi concorsi, il personale educativo (per l’inserimento nelle GaE della scuola Primaria).  A chi è già ricorrente Anief e intende proseguire la sua azione per rimanere o entrare con riserva in GaE sono state inviate specifiche indicazioni e deve seguire comunque la specifica adesione. Per tutti i nuovi ricorrenti, inclusi quelli che non hanno mai aderito ai ricorsi Anief, è necessario inviare la domanda cartacea predisposta da Anief e aderire al ricorso entro il prossimo 16 maggio, temine dell’aggiornamento.

CLICCARE QUI PER LE AZIONI IN FAVORE DI CHI HA GIÀ ATTIVO UN RICORSO GAE CON ANIEF

CLICCARE QUI PER I NUOVI RICORSI GAE ANIEF

Stampa