Docenti precari, accedono al concorso poi si abilitano. Anno di prova prima del ruolo: il percorso dedicato previsto dalla riforma di Bianchi

WhatsApp
Telegram

Il Consiglio dei Ministri ha approvato definitivamente il decreto legge legato al Pnrr che introduce il nuovo sistema di reclutamento docenti. Previsto un percorso ad hoc per gli insegnanti precari.

Infatti, oltre al canale di reclutamento dedicato ai neolaureati, la riforma pensa anche ai supplenti storici, con anni di servizio alle spalle.

Si prevede, dunque, un percorso dedicato per chi abbia all’attivo 3 anni di servizio. Questi insegnanti potranno accedere direttamente al concorso pubblico e procedere successivamente ad un riallineamento formativo tramite un contratto a tempo determinato ed un percorso finalizzato all’acquisizione di 30 CFU nei centri di Ateneo, con successiva prova di abilitazione e anno di prova.

Infatti, il testo approvato dal Consiglio dei Ministri, specifica che “la partecipazione al concorso è in ogni caso consentita a coloro che hanno svolto, entro il termine di presentazione delle istanze di partecipazione al concorso stesso, un servizio presso le istituzioni scolastiche statali di almeno tre anni scolastici, anche non continuativi, nei cinque anni precedenti, valutati ai sensi dell’articolo 11, comma 14, della legge 3 maggio 1999, n. 124“.

I vincitori del concorso, che non abbiano ancora conseguito l’abilitazione all’insegnamento ed abbiano partecipato alla procedura concorsuale in forza dell’articolo 5, comma 4, sottoscrivono un contratto annuale a tempo determinato, e su richiesta a part-time, con l’ufficio scolastico regionale a cui afferisce l’istituzione scolastica scelta e acquisiscono, in ogni caso, 30 crediti formativi universitari o accademici del percorso universitario di formazione iniziale di cui all’articolo 2-bis con oneri a proprio carico“.

Inoltre, “con il superamento della prova finale del percorso universitario di formazione iniziale i docenti conseguono l’abilitazione all’insegnamento di cui all’articolo 2-ter. Conseguita l’abilitazione, i docenti sono sottoposti al periodo annuale di prova in servizio, il cui positivo superamento determina l’effettiva immissione in ruolo“.

NOTA BENE Il testo pubblicato è quello che è stato approvato dal Consiglio dei Ministri. Adesso, dopo il passaggio per la firma del Presidente della Repubblica, sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Poi sarà incardinato in Parlamento (probabilmente prima al Senato e poi alla Camera) per essere approvato entro 60 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

TESTO APPROVATO DAL GOVERNO (PDF)

Nuovi concorsi annuali per la scuola secondaria. Requisiti di accesso, si valuterà anche attitudine all’insegnamento [TESTO PDF]

Riforma reclutamento docenti, ecco il testo approvato dal governo [SCARICA PDF]. Nei prossimi giorni in Gazzetta Ufficiale

WhatsApp
Telegram

TFA SOSTEGNO VIII CICLO: Scegli il corso di preparazione di Eurosofia a cura del Prof. Ciracì e dell’Avv. Walter Miceli che prepara a tutte le prove