“Docenti non vaccinati saranno pagati ma i fondi per rinnovare l’organico covid potrebbero non bastare”. Toccafondi (Iv) attacca il Governo

WhatsApp
Telegram

Secondo Gabriele Toccafondi, capogruppo di Italia Viva in Commissione Cultura alla Camera, con il rientro degli insegnanti non vaccinati a scuola “assistiamo a una situazione che è insieme assurda e ingiusta: da una parte, i 4000 insegnanti non vaccinati potranno rientrare negli istituti, verranno pagati ma non insegneranno; dall’altra, i fondi per finanziare l’organico Covid fino alla fine dell’anno potrebbero non essere sufficienti”. 

La Cisl Scuola e tanti presidi – spiega – denunciano che le risorse messe a disposizione dal ministero dell’Istruzione per prorogare i contratti dell’organico Covid non sarebbero sufficienti. Com’è possibile: è stato sbagliato il calcolo della relativa copertura? Questa ultima beffa si aggiunge al fatto che gran parte di quel personale non riceve lo stipendio da mesi. Gli istituti potrebbero essere costretti a un rinnovo con scadenza antecedente, in attesa che vengano reperite ulteriori risorse. Nonostante questo, ieri il Ministro D’Inca’ ha confermato che il personale No Vax potrà tornare a ricevere o stipendio senza lavorare per garantire un equilibrio tra il diritto dei docenti non vaccinati di sostentarsi e il loro dovere di fornire un esempio corretto“. 

Evidentemente, il diritto al sostentamento è riservato a chi si sottrae agli obblighi di legge ma non ai vaccinati che svolgono il proprio compito con professionalità dedizione e disciplina. Il governo trovi immediatamente le risorse per retribuire l’organico Covid:  30 milioni li potrebbe agevolmente trovare abrogando la norma che consente ai No Vax di tornare a scuola senza lavorare”, conclude. 

Organico Covid docenti e Ata, Azzolina lancia l’allarme: “I soldi non sono sufficienti per tutti i contratti”

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur