Docenti non inseriti in graduatoria ad esaurimento: la FLC CGIL li sostiene

di Lalla
ipsef

FLC Bari – I docenti precari già abilitati o che, iscritti alla facoltà di Scienze della Formazione Primaria o ai corsi di Didattica della Musica a partire dall’anno accademico 2008/2009, sono ancora in via di abilitazione, si vanno mobilitando in tutta Italia a causa dell’ esclusione dalle graduatorie di reclutamento per l’insegnamento nelle scuole.

FLC Bari – I docenti precari già abilitati o che, iscritti alla facoltà di Scienze della Formazione Primaria o ai corsi di Didattica della Musica a partire dall’anno accademico 2008/2009, sono ancora in via di abilitazione, si vanno mobilitando in tutta Italia a causa dell’ esclusione dalle graduatorie di reclutamento per l’insegnamento nelle scuole.

Infatti, dopo che, nel 2007, le graduatorie permanenti furono chiuse e bloccate, costoro,

1. pur avendo frequentato corsi abilitanti a numero chiuso – attivati peraltro dal 2007 al 2010 proprio su disposizione del MIUR;
2. pur avendo regolarmente conseguito il titolo di abilitazione all’insegnamento,

sono tutti ancora in attesa di una nuova legge sul reclutamento dei docenti che, però, ad oggi, tarda ad arrivare .

Nel frattempo, sono migliaia in Italia le domande che costoro, organizzati in gruppi di compilazione collettiva, presenteranno per chiedere l’inserimento nelle predette Graduatorie.

La mobilitazione va rinforzandosi anche nella provincia di Bari dove la FLC Cgil, insieme a Link Bari, ha fornito il proprio contributo convocando due partecipate assemblee rivolte rispettivamente agli insegnanti di strumento musicale e agli iscritti alla facoltà di Scienze della Formazione Primaria. Come FLC abbiamo sempre dichiarato (spesso da soli) la nostra volontà di garantire l’inserimento in graduatoria anche a questi docenti, la cui esclusione risulta particolarmente discriminatoria. Già in occasione della discussione del decreto mille-proroghe la FLC Cgil ha sollecitato la presentazione di un emendamento, respinto dalla maggioranza; tale emendamento consentirebbe l’inserimento di questi docenti in graduatoria.

L’emendamento verrà ora riproposto in sede di conversione in legge del D.L. Sviluppo. Ci sembra, questa, l’unica strada realmente percorribile, poiché solo un provvedimento di legge potrebbe intervenire a sanare la situazione, analogamente a quanto già avvenuto nel 2009 con gli iscritti ai percorsi abilitanti nell’anno 2007/2008. A sostegno di ciò è però necessaria una forte mobilitazione politica che veda insieme tutti i futuri insegnanti coinvolti (circa 20.000, di cui un migliaio solo in provincia di Bari).

La FLC di Bari sosterrà apertamente la battaglia di questi colleghi, con ogni iniziativa che si riterrà opportuno promuovere.

Claudio Menga
s.g. FLC Bari

Versione stampabile
anief
soloformazione