Docenti neoimmessi in ruolo 2020/21: presa di servizio, le info

Stampa

L’anno scolastico 2020/21, inizia oggi martedì 1 settembre. Parliamo di presa di servizio per i neoimmessi in ruolo, gli adempimenti, la possibilità di richiedere il differimento della firma del contratto e la disciplina dell’incompatibilità del rapporto di pubblico impiego.

Concetti generali relativi alla presa di servizio, normativa

Dal D.P.R. n. 3/1957:

“La nomina dell’impiegato (docente) che per giustificato motivo assume servizio con ritardo sul termine prefissogli decorre, agli effetti economici, dal giorno in cui prende servizio”.

Un esempio potrebbe essere la situazione per la quale un docente a causa di un ritardo orario o sciopero dei trasporti è impossibilitato a presentarsi in data 01/09/2020 nella sede dell’istituzione scolastica. O semplicemente sia in malattia. La decorrenza giuridica rimane al primo settembre, mentre quella economica nel giorno in cui prende servizio.

“Colui che ha conseguito la nomina, se non assume servizio senza giustificato motivo entro il termine stabilito, decade dalla nomina”

Se il docente, senza giustificarsi, non si presenta entro il termine stabilito a scuola per firmare la presa di servizio, decade dalla nomina; compresi tutti i docenti che hanno accettato la nomina in ruolo ma poi fisicamente non si presentano.

Sottoscrizione del contratto di immissione in ruolo

Dal T.U. 297/1994:

“Il personale, che ha accettato la nomina con l’assegnazione della sede, decade da eventuali precedenti impieghi pubblici di ruolo e non di ruolo, con effetto dalla data stabilita per l’assunzione del servizio”

Dal D.P.R. n. 3/1957:

“L’impiegato non può esercitare il commercio, l’industria, né alcuna professione o assumere impieghi alle dipendenze di privati o accettare cariche in società costituite a fine di lucro, tranne che si tratti di cariche in società o enti per le quali la nomina è riservata allo Stato e sia all’uopo intervenuta l’autorizzazione del Ministro competente”

Quando si sottoscrive il contratto con l’Istituzione scolastica si deve dunque essere liberi da precedenti rapporti di lavoro situazione, questa, che, tra l’altro, viene richiesta al docente di attestare in una dichiarazione ad hoc da sottoscrivere al momento della presa di servizio.

E’, infatti, con l’acquisizione dello status di pubblico dipendente, e dunque con la sottoscrizione del contratto, che sorge il vincolo di esclusività a tutela del buon andamento dell’Amministrazione (art. 98 Cost.). In tale momento non devono sussistere situazioni ostative la sottoscrizione del contratto di assunzione e, fra queste, l’esistenza di precedenti rapporti di impiego, siano essi di natura pubblica o privata.

Nel caso del docente di ruolo che assumerà servizio per altra classe di concorso con contratto nuovamente a T.I., decadrà automaticamente dal “vecchio” ruolo e assumerà effettivo servizio, giuridico ed economico, in quello nuovo.

L’ipotesi della mancata presa di servizio

Ove al 1° settembre 2020 ricorresse l’ipotesi della mancata presa di servizio, i Dirigenti Scolastici provvedono a diffidare formalmente, tramite PEC o raccomandata con ricevuta di ritorno, il docente alla presa di servizio entro un breve termine (es. tre giorni) nell’istituzione scolastica scelta dallo stesso o alla quale è stato assegnato d’ufficio, con la precisazione che in caso mancato adempimento alla diffida si procederà con la risoluzione del rapporto di lavoro.

Posticipazione della presa di servizio

Chiunque abbia un impedimento a prendere servizio nel momento indicato dall’Amministrazione potrà presentare, tempestivamente, una specifica istanza indirizzata all’Ufficio scolastico Regionale in cui sono descritte le motivazioni per cui è necessario posporre la presa di servizio medesima (ad esempio chi ha la necessità di fornire al precedente datore di lavoro il preavviso in caso di dimissioni volontarie). L’Ufficio scolastico Regionale ha il compito di valutare l’accoglibilità della richiesta, tenuto conto delle esigenze manifestate, del tempo richiesto e del momento in cui è stata effettuata la proposta di assunzione, al fine di salvaguardare le necessità manifestate.

Docenti, presa di servizio il 1° settembre. Chi è obbligato, quando si può rimandare

Stampa

Didattica digitale integrata. Eurosofia ha creato un innovativo ciclo formativo per acquisire le competenze specifiche