Docenti nelle piccole isole, mancano le indennità. Italia Viva: distribuire i fondi il prima possibile

WhatsApp
Telegram

Nella scorsa legislatura, Italia Viva ha proposto una norma che prevede una indennità per gli insegnati delle sedi disagiate, costretti a spostarsi ogni giorno o per le ore di scuola previste dal contratto, che è stata attuata con decreto ministeriale dall’allora ministro Patrizio Bianchi e nel mese di luglio sono state stanziate le risorse alle scuole per un importo complessivo di 2.260.738,48 euro.

“La distribuzione delle risorse alle scuole è dunque avvenuta ma gli insegnati delle isole non hanno ancora percepito alcuna indennità, che spetta in modo continuativo dall’inizio dell’attività lavorativa”, spiega una nota del partito.

“Una grande vittoria – dice Valeria Ajovalasit, dirigente regionale di Iv – per gli insegnanti e per chi ha condotto questa battaglia difficile. Abbiamo fatto nostro un problema che vivono moltissimi docenti, che ogni giorno o per le ore di insegnamento dedicato sono costretti a mettersi su un traghetto e raggiungere le scuole nelle piccole isole. Abbiamo avuto contezza che le somme sono state erogate nel mese di luglio e, dunque sono nella disponibilità delle scuole indicate, esortiamo i dirigenti scolastici e i presidi a liquidare l’indennità dovuta”.

L’indennità di sede disagiata ha una natura accessoria e spetta annualmente a ciascun docente di sede scolastica isolana: “Chiediamo ai presidi e ai dirigenti scolastici – conclude Liliana Modica, dirigente regionale di IV – di dare seguito a quanto disposto dal Decreto Ministeriale avendo peraltro le somme nella loro disponibilità”.

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VIII ciclo: Scegli il corso di preparazione di Eurosofia a cura del Prof. Ciracì e dell’Avv. Walter Miceli che prepara a tutte le prove