Docenti neaossunti non possono chiedere assegnazione provvisoria

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Assegnazioni provvisorie: è una domanda, scaduta già il 20 luglio scorso,  che riguarda esclusivamente il personale docente già di ruolo.

Una nostra lettrice chiede

Quest’anno con l’immissione in ruolo è possibile che andrò in una provincia diversa dalla residenza (sono in un comune in provincia di Roma)
Dato che ho una bimba di due anni e mio marito lavora a Roma è possibile chiedere assegnazione provvisoria.
Sono una docente che ha fatto il concorso straordinario 2018 per la scuola secondaria di secondo grado

La risposta è negativa, infatti non è possibile chiedere assegnazione provvisoria per lo stesso anno scolastico di decorrenza dell’immissione in ruolo.

Gli unici ammessi a presentare domanda cartacea di assegnazione provvisoria dopo il 20 luglio sono docenti già immessi in ruolo almeno dal 1° settembre 2018, per i quali sia intervenuta una modifica nella sede di titolarità, ancora non nota entro la data di scadenza per la presentazione della domanda,

Le istruzioni operative per le immissioni in ruolo a.s. 2019/20 (allegato A) confermano però che è possibile stipulare, avendone i requisiti e le condizioni, contratti in regime di part-time, secondo quanto previsto dalla legge 183/2010.

Un’altra possibilità è quella di usufruire del congedo parentale, se ha ancora giorni a disposizione.

Oppure di una aspettativa (non retribuita).

Altra possibilità è quella di accettare una supplenza almeno fino al 30 giugno da graduatoria di istituto, se le viene offerta nella provincia in cui la docente desidera lavorare. E’ possibile fare ciò in base all’art. 36 del CCNL.

 

Versione stampabile
anief banner
soloformazione