I docenti messicani in sciopero contro l’aziendalizzazione delle scuole: caricati brutalmente dalla polizia

WhatsApp
Telegram

Red – I docenti messicani continuano le loro proteste contro la Riforma dell’Istruzione promossa da Enrique Peña Nieto, che ha come obiettivo la privatizzazione con la trasformazione dell’educazione in un prodotto commerciale  e classificabile tramite criteri standard, intendendo le scuole come aziende.

Red – I docenti messicani continuano le loro proteste contro la Riforma dell’Istruzione promossa da Enrique Peña Nieto, che ha come obiettivo la privatizzazione con la trasformazione dell’educazione in un prodotto commerciale  e classificabile tramite criteri standard, intendendo le scuole come aziende.

 
Inoltre minaccia il personale docente di drastici tagli:il  periodo di insegnamento dipenderà infatti, dalle prove di verifica standardizzate previste nella riforma.
 
Venerdì scorso 5 aprile, migliaia di persone, tra cui moltissimi professori del Coordinamento Statale dei Lavoratori dell’Istruzione della città di Guerrero hanno bloccato per alcune ore l’autostrada del Sol. Il blocco è stato caricato da parte della polizia  provocando numerosi feriti e almeno 5 professori arrestati.
 
Poche ore dopo, un centinaio di insegnanti della sezione 22 del Sindicato Nacional de los Trabajadores de la Educación [Sindacato Nazionale dei lavoratori dell’Istruzione] hanno bloccato per quasi mezz’ora il casello autostradale della linea Oaxaca-Cuacnopalan in appoggio agli insegnanti di Guerrero che erano stati sgomberati dall’ Autopista del Sol dalla polizia federale.
 
I docenti sono appoggiati dal popolo messicano, come dimostra la solidarietà degli stessi automobilisti sulle autostrade occupate ed hanno annunciato di continuare le mobilitazioni nei confronti del Governo e di organizzare un’interruzione indefinita del lavoro per chiedere la deroga della riforma dell’istruzione.

WhatsApp
Telegram

Concorso Insegnanti di Religione Cattolica. Scegli il corso specifico di Eurosofia con esempi di unità didattiche. Guarda la demo