Docenti inidonei nel Decreto Istruzione: la camminata del gambero

di Lalla
ipsef

red – La pubblicazione del decreto legge sulla scuola, approvato il 9 settembre scorso, libera i docenti inidonei dal passaggio forzato nei ruoli amministrativi e tecnici della scuola, ma li lega alla “ mobilità intercompartimentale in ambito provinciale verso le amministrazioni che presentino vacanze di organico” ( Comma 6- art 15 Capo II DL 104/2013), così come già previsto dal decreto Berlusconi nel 2011.

red – La pubblicazione del decreto legge sulla scuola, approvato il 9 settembre scorso, libera i docenti inidonei dal passaggio forzato nei ruoli amministrativi e tecnici della scuola, ma li lega alla “ mobilità intercompartimentale in ambito provinciale verso le amministrazioni che presentino vacanze di organico” ( Comma 6- art 15 Capo II DL 104/2013), così come già previsto dal decreto Berlusconi nel 2011.

A denunciarlo sono i Cobas, che hanno seguito la vicenda dei docenti inidonei da vicino. La norma stabilita nel DL Istruzione infatti non è come la aspettavano i docenti interessati.

Una collega scrive: siamo punto e daccapo? NOI non possiamo spostarci, abbiamo scelto le scuole in cui siamo perché vicine alle nostre abitazioni : Francesca ha il girello per camminare a scuola; Giuliana soffre di insonnia cronica e la mattina non può prendere l’automobile; Sofia ha una malattia psichiatrica; Sandra ha la sclerosi e non può camminare.

Non è un caso che le ultime sentenze In merito alla legge n.104/92 , evidenzino che l’art.34 della legge n. 183/2010 (collegato al lavoro ) è intervenuto sul testo dell art. 33 della stessa , prevedendo, tra l’altro, che :” Il lavoratore di cui al comma 3 ( che presta assistenza , oltre al coniuge, a parenti o affini del disabile entro il secondo grado in condizione di gravita’).ha diritto a scegliere, ove possibile, la sede di lavoro più vicina al domicilio della persona da assistere e non può essere trasferito senza il suo consenso ad altra sede” ( figuriamoci, quindi, il malato stesso).

Una nuova diffida è stata quindi già inviata al MIUR- MEF- Funzione Pubblica alla Commissione Europea. La prossima settimana sono previsti incontri con M5S-PD-SeL per emendare il “decreto del gambero”

Decreto scuola. Il testo della Gazzetta ufficiale, definitivo. Tutti i contenuti, commenti e approfondimenti

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare