Docenti inidonei: lettera agli Onorevoli delle Commissioni Bilancio e Cultura della Camera

Di Lalla
WhatsApp
Telegram

Coordinamento Provinciale Docenti Utilizzati Sassari – Gentilissimi Onorevoli, ricordandovi che la situazione di noi Docenti Inidonei è tuttora irrisolta, ci rivolgiamo a voi tutti affinchè interveniate con decisione, in occasione del passaggio presso la Commissione Bilancio della Camera, della Legge di stabilità, al fine di proporre un emendamento tale da rimediare quanto la nostra categoria sta ingiustamente subendo a causa dell’approvazione della recente Legge 7 agosto 2012, n. 135 contenente le "Disposizioni urgenti per la riduzione della spesa pubblica a servizi invariati" (Spending review) che ha peggiorato la situazione di noi Docenti Inidonei. Pertanto fiduciosi di avere un riscontro positivo.

Coordinamento Provinciale Docenti Utilizzati Sassari – Gentilissimi Onorevoli, ricordandovi che la situazione di noi Docenti Inidonei è tuttora irrisolta, ci rivolgiamo a voi tutti affinchè interveniate con decisione, in occasione del passaggio presso la Commissione Bilancio della Camera, della Legge di stabilità, al fine di proporre un emendamento tale da rimediare quanto la nostra categoria sta ingiustamente subendo a causa dell’approvazione della recente Legge 7 agosto 2012, n. 135 contenente le "Disposizioni urgenti per la riduzione della spesa pubblica a servizi invariati" (Spending review) che ha peggiorato la situazione di noi Docenti Inidonei. Pertanto fiduciosi di avere un riscontro positivo.

Vi chiediamo di proporre:

1) l’abrogazione del comma 13 art. 14, o la sua sostanziale modifica

2) il ripristino della dispensa dal servizio per coloro che volessero richiederla

3) la possibilità di andare in pensione con gli stessi requisiti previsti per tutti i dipendenti della Pubblica Amministrazione.

Non ci sembra necessario, nè di nostra competenza, fornire alternative che possano risolvere definitivamente la nostra situazione, poichè se nella Legge di stabilità (all’esame in questi giorni della commissione Bilancio), sono stati previsti finanziamenti per ben 223 milioni di euro per finanziare le scuole private, DOVREBBE essere molto più facile trovare i 100 milioni di euro, necessari a salvare noi Docenti Inidonei e, di conseguenza, i Precari Storici coinvolti insieme a noi in questa triste vicenda.

Sarebbe dunque DOVEROSO intervenire per bloccare o limitare la portata di questo finanziamento una parte del quale potrebbe essere destinato alla soluzione del su citato problema ed un’altra servirebbe a limitare la continua penalizzazione che si sta effettuando nei confronti della scuola pubblica.

Se avvenisse l’eliminazione dell’articolo 14, comma 13 si eviterebbero tutte le altre conseguenze negative derivanti dall’applicazione del D.L. ossia:

1) il trasferimento d’ufficio, senza una manifesta volontà dei Docenti, che costituirebbe un demansionamento e dequalificazione e al quale farebbero seguito dei ricorsi;

2) lo smantellamento delle Biblioteche Scolastiche, attualmente veri e propri laboratori multimediali, nelle quali opera personale formato e specializzato, l’eliminazione delle preziosissime attività didattiche dei
Laboratori e dei Supporti alla Didattica, a discapito degli studenti e della formazione dei giovani;

3) lo spostamento nelle segreterie di personale che, avendo spesso problemi di salute, che non permettono loro di assumere carichi di lavoro eccessivi, non potrà farsi carico della mole di lavoro che oggi si svolge nelle
Amministrazioni Scolastiche.

4) la sottrazione del posto di lavoro alla categoria ATA ( in particolare i precari), personale che ha esperienza, non assumendo i quali, si depriverebbero le scuole delle necessarie forze di supporto.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur