Docenti “ingabbiati”: Ministro Bussetti sbaglia ad eliminare corsi abilitanti per docenti di ruolo

di redazione
ipsef

item-thumbnail

inviato da Comitato Nazionale Docenti di Ruolo IngabbiatiComitato Nazionale Docenti di Ruolo Ingabbiati: Infanzia e Primaria – Gentili Ministri, il Comitato Nazionale Docenti di Ruolo “Ingabbiati” di ogni ordine e grado, rappresenta un gruppo facebook che raccoglie oltre 5000 docenti che vivono la comune esigenza di accedere ad un percorso di mobilità professionale per l’insegnamento di altre discipline o per il passaggio di ruolo.

Il Governo nella Legge di Bilancio 2019 ha cancellato l’art. 4 comma 3 del Dlgs 59/2017, quindi per il reclutamento dei docenti è previsto un concorso “calderone” cui parteciperanno tutti: docenti neolaureati, docenti precari e di ruolo, quest’ultimi già selezionati, vincitori di uno o più concorsi.
Con la presente, vogliamo denunciare le scelte scriteriate del Ministro Bussetti, il quale non valorizza l’esperienza dei docenti di ruolo che chiedono di sostenere un percorso abilitante selettivo, così come previsto dalla previgente normativa, non riconosce il lavoro svolto dai docenti precari che dopo svariati anni presentano servizio come supplenti e adotta ingiustamente la scelta di un concorso “calderone” destinato indistintamente a neolaureati, precari e docenti di ruolo.

In conseguenza dei pensionamenti, sia ordinari che straordinari, grazie alla misura “Quota 100”, a settembre ci saranno oltre 100.000 cattedre vacanti, il Ministro Bussetti cosa sta facendo? Ha tradito le promesse fatte ai precari in campagna elettorale per cui non è più prevista alcuna stabilizzazione, ha cancellato i percorsi abilitanti selettivi riservati ai docenti di ruolo che desiderano insegnare una disciplina diversa da quella di attuale titolarità.

Gentili Ministri Di Maio e Salvini, vogliamo dirvi di prendere a cuore la nostra situazione, intervenendo sulle scelte errate del Ministro Bussetti.

La scuola ha necessità di attenzione e competenza, gli insegnanti precari hanno diritto alla loro stabilizzazione, i docenti di ruolo a una progressione di carriera, i giovani neolaureati a partecipare ai concorsi.

Tutto questo è possibile, ma bisogna essere lungimiranti, rispettando i patti elettorali, sedendosi con attenzione al tavolo sindacale e ascoltando la voce dei docenti.

Il Ministro Marco Bussetti, se vuole può dare una risposta, dovrebbe effettuare le seguenti scelte:

1) bandire un concorso ordinario destinato ai giovani neolaureati;
2) bandire un concorso riservato destinato ai precari, proprio come ha fatto per la categoria dei Diplomati Magistrali con il DDG n. 1456 del 7 novembre 2018;
3) istituire i corsi di qualificazione professionali per i docenti di ruolo che desiderano conseguire una nuova abilitazione, selettivi in uscita per verificare l’acquisizione delle nuove competenze, organizzati dalle Università, con spese a carico dei partecipanti, come per il TFA Sostegno 2019.

Con questo piano, il Ministro dimostrerebbe attenzione e senso di responsabilità verso i lavoratori della scuola, diversamente daremo battaglia in tutti i modi possibili, il malcontento sta aumentando, si arriverà allo scontro, lo sciopero del 5 maggio 2015 è stato un segnale che rinnoveremo con molta più determinazione. Vogliamo sensibilizzare direttamente Voi Vice Premier, perché il dialogo con i Parlamentari e Senatori giallo-verdi, nonostante le tante richieste di confronto, non ha sortito alcun effetto.

Ministro Di Maio, ieri sulla rivista Orizzonte Scuola, è stato pubblicato un articolo in cui Lei afferma che finanzierete la scuola per la continuità didattica e l’assunzione dei precari. Ci chiediamo, sono spot elettorali in previsione delle Elezioni Europee del 26 maggio 2019 oppure si tratta di un impegno serio e concreto?

Ministro Salvini, speriamo che abbia colto la voce della scuola, ci aspettavamo un Ministro diverso, che dialogasse con gli insegnanti, ci avevamo sperato, siamo molto delusi, speriamo che Lei possa intervenire rapidamente, per attuare gli impegni assunti in campagna elettorale,

“#Dalle Parole ai fatti!!!”

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione