Docenti idonei concorso 2016: ingiusto inserirci in coda nelle GMR 2018

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Comunicato stampa comitato nazionale docenti idonei al concorso infanzia e primaria del 2016, lettera per il ministro all’Istruzione Fioramonti, ai sottosegretari Azzolina e De Cristofaro, all’on. Casa in qualità di relatrice del decreto Salva precari.

A scriverLe un folto gruppo di idonei al concorso 2016 scuola dell’Infanzia e Primaria, bandito con DDG105/16, costituiti in Comitato legalmente riconosciuto, il motivo della missiva risiede nella bozza dell’emendamento salva precari che è stata discussa nelle sedute delle commissioni parlamentari dove si evincono delle falle – così come la stessa sottosegretaria all’Istruzione ha ribadito in una diretta facebook – sul punto n. 1.112 il testo afferma: “Dopo il comma 18, aggiungere il seguente: 18-bis. I soggetti inseriti nelle graduatorie di merito dei concorsi ordinari per titoli ed esami per posti di docente banditi nel 2016 possono proporre istanza per l’inserimento, anche in coda a chi vi sia già iscritto, nelle graduatorie dei concorsi straordinari non selettivi banditi nel 2018, anche in regioni diverse da quella di pertinenza della graduatoria di origine. Con decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, da adottare entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, sono disciplinate le modalità attuative del presente comma”.

Dunque questo emendamento prevede il nostro ingresso volontario in GMRS 2018. Se sarà approvato anche in Assemblea in sede di dibattito in aula alla Camera dovrà essere chiarito se a pettine o in coda. Riteniamo ingiusto che si venga inseriti in coda nelle gmr2018 per vari motivi: gli idonei al concorso infanzia e primaria 2016 hanno superato un concorso selettivo e non è una sanatoria come quella attuata per sanare il contenzioso dei Diplomati magistrale entrati nelle graduatorie ad esaurimento a seguito di un ricorso; la selettività del concorso si configura con ben due prove e non una sostenuta dai candidati dello straordinario, e dunque riteniamo – se proprio bisogna essere inseriti nella gmr2018 di altra regione – che ciò avvenga a pettine, rispettando almeno il criterio del merito e del voto conseguito tra i diversi candidati. Oppure chiediamo che la nostra gm2016 venga resa ad esaurimento, in modo da non intaccare nessun interesse ed evitare così numerosi contenziosi.

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione