I docenti in Gran Bretagna sul piede di guerra contro il governo Cameron

di Giulia Boffa
ipsef

Giulia Boffa – Il sondaggio YouGov, condotto in Gran Bretagna per conto dell’Unione nazionale degli Insegnanti, ha messo in luce che i tre quarti degli insegnanti, attualmente, non sostiene le politiche, in tema d’istruzione, attuate dal governo Cameron.

Giulia Boffa – Il sondaggio YouGov, condotto in Gran Bretagna per conto dell’Unione nazionale degli Insegnanti, ha messo in luce che i tre quarti degli insegnanti, attualmente, non sostiene le politiche, in tema d’istruzione, attuate dal governo Cameron.

 Gli insegnanti sarebbero costantemente criticati e indeboliti nelle condizioni di retribuzione.

Il 62% di coloro che insegnano nelle accademie e scuole pubbliche è molto sfiduciato per il futuro della scuola britannica. Il motivo sarebbe l’eccessivo potere che il governo vorrebbe  dare ai presidi sull’impostazione della remunerazione  in base alle prestazioni (il sondaggio ha rilevato che il 77% degli insegnanti si è opposto).

Il sindacato ha minacciato uno sciopero generale, ma il ministro della Pubblica Istruzione ha difeso le politiche del governo insistendo sulla possibilità di innalzare gli standard di qualità, dando più potere ai presidi, assumendo laureati e professionisti della didattica.
Versione stampabile
anief anief
soloformazione