Docenti, educatori e Ata, tanti rischi e incarichi in condizioni difficili: zero indennità. Pacifico (Anief), “Col rinnovo del contratto si cambia”

WhatsApp
Telegram

Comunicato Anief – Ai dipendenti della scuola si chiede di stare in prima linea, di esporsi ai contagi non solo da Covid19, di operare in condizioni ambientali difficili, di rischiare di incorrere in patologie da burnout, di svolgere contemporaneamente didattica a distanza e in presenza, di lavorare a centinaia di chilometri da casa per anni: tutto questo, però, non viene riconosciuto.

Né contrattualmente, né nello stipendio. A ricordarlo è Marcello Pacifico, presidente del sindacato Anief, nell’annunciare l’alta partecipazione degli insegnanti alle assemblee che il giovane sindacato sta realizzando in vista del rinnovo del contratto da discutere con l’amministrazione pubblica: durante una video-intervista all’agenzia Teleborsa, il sindacalista ha detto che è giunta l’ora di “ridare al chi lavora nella scuola la dignità professionale che gli spetta, in particolar modo prevedendo delle indennità di rischio biologico e di burnout per quello che sta avvenendo con la didattica in presenza in tempo di Covid”, ma anche “un’indennità di sede per chi è costretto a lavorare sempre lontano da casa”, come pure “per l’incarico a tempo determinato, perché molto spesso i precari per ottenere parità di trattamento devono ricorrere in tribunale”. Il sindacato vuole garantire quello che “spetta ai lavoratori e quello che anche l’Europa dice che meritano”.

“La nostra scuola deve essere messa di nuovo al centro, ma per farlo bisogna partire da chi lavora nella scuola: dagli educatori e da tutta la comunità educante”: così ha descritto il presidente Anief gli incontri con gli insegnanti, davvero utili a definire le proposte e la linea che il giovane sindacato porterà al tavolo di contrattazione nazionale con l’amministrazione pubblica.

“Stiamo informando e consultando tutti i lavoratori per ricevere le loro proposte e cercare di elaborare una piattaforma che risponda alle esigenze di una scuola più giusta”. “Sono assemblee importanti in cui stiamo presentando la nostra proposta di rinnovo”, ha concluso il professore Marcello Pacifico, aggiungendo che “seguiranno altre assemblee per il personale ATA, per il personale educativo e per gli insegnati di religione”.

WhatsApp
Telegram

Preparazione concorsi scuola: news webinar Infanzia e Primaria! Prepara anche Secondaria e DSGA