Docenti e Ata fuori sede, per molti sarà dura tornare al Sud per le feste di Natale: anche più di 400 euro un biglietto aereo verso la Sicilia

WhatsApp
Telegram

Ogni anno è la stessa storia: per i lavoratori del Sud che lavorano al Nord, tornare in famiglia per le feste natalizie diventa sempre più difficile a causa dei prezzi elevati dei biglietti aerei nelle principali tratte del territorio. E se alcuni decidono di faticare con treni e viaggi in auto, molti invece preferiscono rinunciare.

Fra questi lavoratori ovviamente ci sono anche i docenti e gli ATA fuori sede che provengono dalle regioni meridionali. In particolar modo pensiamo agli insegnanti costretti a lavorare fuori sede a causa dei vincoli della mobilità.

Abbiamo pochi giorni fa pubblicato un’indagine proprio su questo tema e la voce spostamenti durante l’anno per le vacanze è proprio fra i tasti maggiormente dolenti segnalati dai docenti intervenuti all’indagine.

Quest’anno, a quanto pare, la situazione voli resta alquanto complicata. Le tratte principali tipiche del rientro di fine anno, da Roma, Milano e Torino verso la Sicilia, ad esempio, hanno raggiunto già prezzi esorbitanti.

Come segnala La Repubblica, provando ieri a prenotare un volo Milano- Palermo senza scali con partenza il 23 dicembre e ritorno il 7 gennaio il costo era di 373,99 a persona. Per spendere meno di 200 euro, l’alternativa è prevedere scali a Tolosa o a Budapest. L’anno scorso, in realtà, la stessa tratta prenotata a fine novembre, costava 39,99 nel pieno delle misure restrittive a causa della pandemia e con le tratte sociali per i residenti appena lanciate.

Da Milano a Catania, nelle stesse date senza scali, il costo è di 338,08 euro a testa. Anche in questo caso l’opzione più economica, a 114 euro, prevede di passare una notte a Budapest arrivando a destinazione la sera del 24 dicembre.

Paride Sinacori, maestra di matematica in una scuola primaria dell’hinterland di Milano, quest’anno ha acquistato i biglietti aerei già a settembre. “Me la sono cavata con 120 euro andata e ritorno per Palermo, tanti miei colleghi invece sono nei guai. Adesso i prezzi sono alle stelle e chi ha famiglia deve rinunciare o inventarsi un altro viaggio“.

Addirittura la tratta Torino- Catania, attualmente con date dal 23 dicembre al 7 gennaio, costa 449,09 euro.

L’INDAGINE DI ORIZZONTE SCUOLA (Clicca la tabella per ingrandirla)

 

Docenti fuori sede, lavorare al Nord costa caro: si arriva a spendere fino a 1.200 euro al mese! Il blocco dei trasferimenti si paga [INDAGINE]

WhatsApp
Telegram

Eurosofia nel mese di dicembre trasmetterà tre nuovi incontri formativi gratuiti dedicati agli attori della scuola