Docenti e ATA contatti stretti di caso positivo, cosa devono fare per essere riammessi in servizio

Stampa

Con la circolare 15127 del 12 aprile il ministero della Salute fornisce indicazioni per la riammissione in servizio dei lavoratori dopo assenza per malattia Covid-19 correlata. Il caso dei contatti stretti.

Cosa devono fare docenti e ATA contatti stretti di casi positivi per essere riammessi in servizio?

Il lavoratore che sia un contatto stretto di un caso positivo, informa il proprio medico curante che rilascia certificazione medica di malattia salvo che il lavoratore stesso non possa essere collocato in regime di lavoro agile.

Per la riammissione in servizio, il lavoratore dopo aver effettuato una quarantena di 10 giorni dall’ultimo contatto con il caso positivo, si sottopone all’esecuzione del tampone e il referto di negatività del tampone molecolare o antigenico è trasmesso dal Dipartimento di Sanità Pubblica o dal laboratorio dove il test è stato effettuato al lavoratore che ne informa il datore di lavoro per il tramite del medico competente, ove nominato.

CIRCOLARE

Gli altri casi

Covid, docenti e Ata che tornano a scuola dopo sintomi gravi e ricovero: cosa bisogna sapere

Assenza Covid, per docenti positivi asintomatici isolamento 10 giorni + test per rientro al lavoro

Riammissione docenti e ATA dopo malattia Covid: positivi con sintomi gravi, asintomatici. Circolare ministero Salute

Stampa

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata