I docenti diplomati che saranno licenziati non avranno diritto alla Naspi. Lettera

Stampa

Inviato da Tommaso Perrucci – Gentile redazione, vi invito a divulgare la notizia che per ciò che concerne i Docenti immessi in ruolo con clausola rescissoria, vi sarà un ulteriore danno in caso (oramai inevitabile) di licenziamento all’atto del Giudizio di Merito.

Diversamente dal passato, quando alla fine della supplenza al 30 giugno o al 31 Agosto, si poteva accedere alla Naspi, in questo caso non si avrà alcun diritto a nessuna forma di disoccupazione.
I requisiti per poter accedere alla forma di sostegno prevista dall’Inps infatti non prevedono il diritto per Dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni a tempo indeterminato (il caso appunto dei Docenti assunti in ruolo con clausola rescissoria).
Questo deve essere un argomento a sostegno di tutti i Sindacati rappresentativi che nei prossimi giorni avranno incontri al Miur: fare presente un ulteriore problema e disagio per famiglie che fino a nuova supplenza (mediamente Ottobre-Novembre 2018) non potranno godere neanche del diritto alla disoccupazione.
Grazie

Stampa

Aggiornamento Ata: Puoi migliorare il tuo punteggio in tempi rapidi: corso di dattilografia a soli 99 euro. Contatta Eurosofia