Docenti di ruolo senza titolo in assegnazione provvisoria su posti che spettavano ai precari

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Questo è il sospetto che avanzano alcuni insegnanti specializzati per le attività didattiche di sostegno iscritti nelle graduatorie di istituto di Napoli e Salerno.

Posti di sostegno a docenti di ruolo senza titolo e precari con titolo a casa

“Siamo docenti inserite nelle Graduatorie di Istituto (II fascia) per l’ordine di scuola primaria di istituzioni scolastiche appartenenti all’Ambito Territoriale di Napoli e Salerno in possesso di Laurea Magistrale a ciclo unico (quinquennale) in Scienze della Formazione Primaria (LM 85 bis) e di specializzazione polivalente per il sostegno didattico ad alunni con disabilità (ordine di scuola primaria) a seguito di corso frequentato presso l’Università degli studi Suor Orsola Benincasa, l’Università degli Studi di Salerno e l’Università degli studi del Molise – scrive in un comunicato un gruppo di insegnanti precari – Con il modello A5, tramite il portale “istanze on line”,attivo dal 20 di agosto al 10 di settembre, abbiamo potuto dichiarare il titolo di specializzazione polivalente per l’attività di sostegno, conseguito a giugno. La procedura è stata lavorata dalle scuole capofila a seguito della circolare emessa da URS Campania in data 12/09/2018 attraverso il registro ufficiale U.0015432 “

Cosa prevede il contratto sulle assegnazioni provvisorie

L’art 7 c. 16, CCNI concernente le utilizzazioni e le assegnazioni provvisorie del personale docente per l’A.S. 2018/19, prevede “L’assegnazione provvisoria può essere, infine, richiesta per posti di sostegno anche dai docenti sforniti di titolo di specializzazione, purché stiano per concludere il percorso di specializzazione sul sostegno o, in subordine, abbiano prestato almeno un anno di servizio – anche a tempo determinato – su posto di sostegno [omissis] L’assegnazione di cui al comma precedente è disposta in subordine al personale fornito titolo di specializzazione e solo dopo aver accantonato un numero di posti pari ai docenti forniti di titolo di sostegno presenti nelle GAE nonché nelle graduatorie di istituto ivi comprese le fasce aggiuntive”. Hanno la priorità i benificiari della precedenza di cui al punto IV lettera g, lettera l e lettera m del successivo art. 8. “

Pertanto, l’assegnazione provvisoria su sostegno docenti senza titolo è l’ultima delle operazioni previste, la n. 41 della succitata sequenza.

“Qui il condizionale è d’obbligo – scrivono le docenti – poiché nelle scuole la maggior parte dei posti è stata ricoperta con precedenza di scelta dai docenti in assegnazione provvisoria senza titolo

Le docenti lamentano dunque il mancato accantonamento dei posti per i docenti precari che hanno potuto dichiarare l’avvenuto conseguimento del titolo solo entro il 10 settembre, ad operazione delle assegnazioni provvisorie già avviata.

Una problematica che ci è stata segnalata anche per altre province.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione