Esclusi dal concorso i docenti di ruolo

Di Lalla
WhatsApp
Telegram

Lalla – L’art. 1 comma 6 del bando di concorso esclude dalla possibilità di partecipazione i docenti che alla data del 25 settembre sono assunti con contratto a tempo indeterminato

Lalla – L’art. 1 comma 6 del bando di concorso esclude dalla possibilità di partecipazione i docenti che alla data del 25 settembre sono assunti con contratto a tempo indeterminato

Art. 1 comma 6. "Non possono partecipare ai concorsi coloro che alla data di pubblicazione del presente decreto sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, 4^ Serie Speciale, Concorsi ed Esami, prestano servizio su posti e cattedre con contratto individuale di lavoro a tempo indeterminato nelle scuole statali"

Sfuma quindi la possibilità di conseguire un’ulteriore abilitazione da poter sfruttare per la mobilità professionale, cioè il passaggio di ruolo e/o di cattedra che in alcune province e per alcune classi di concorso negli ultimi anni è difficile da ottenere. La possibilità avrebbe potuto significare anche un allentamento del vincolo quinquennale per i docenti assunti in ruolo dal 1° settembre 2011 nella provincia di immissione in ruolo giuridica. 

Paradossalmente secondo quanto indicato nel bando di concorso potranno partecipare al concorso tutti coloro che possano vantare i requisiti di ammissione, pur se impegnati a tempo indeterminato presso altre amministrazioni o presso privati, ma non coloro che sono già assunti su posti e cattedre della scuola statale a tempo indeterminato e che aspirerebbero all’insegnamento in altra classe di concorso. 

Quindi, facciamo un esempio, il personale Ata precario o a tempo indeterminato, può partecipare al concorso per diventare docenti, mentre il docente interessato ad altra classe di concorso o posto di insegnamento deve seguire la formazione iniziale degli insegnanti, che il Ministero ha strutturato attraverso il TFA (Tirocinio formativo attivo). 

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito