Docenti di religione, ulteriore scorrimento graduatorie 2004. Snadir: “Primo obiettivo raggiunto”

Stampa

Lo Snadir si gode una piccola vittoria per quanto riguarda i docenti di religione: il Ministero dell’Istruzione ha accettato di procedere per le immissioni in ruolo con un ulteriore scorrimento delle graduatorie del 2004.

Il Ministero dell’Istruzione ha dato seguito alla richiesta formale presentata dallo Snadir di procedere all’ulteriore scorrimento della graduatoria del 2004, inoltrando qualche giorno fa la richiesta di autorizzazione per l’assunzione al Mef – Ministero dell’economia e finanze. Si tratta di un provvedimento che riguarderà la metà di coloro che sono ancora presenti nelle predette graduatorie. Attendiamo, quindi, dal Ministero dell’Istruzione l’informativa sul decreto di assunzione“, si legge sul sito del sindacato Snadir.

Anche in questo caso, l’accoglimento della proposta dello Snadir di portare la quota percentuale di posti in ruolo dall’attuale 70% al 90% e di utilizzare la GM 2004 fino a totale esaurimento, avrebbe dato una risposta almeno a quei precari che tra pochi anni andranno in pensione dopo una vita professionale priva del riconoscimento più atteso“, prosegue il sindacato.

Lo Snadir tuttavia ricorda: “La richiesta continua e insistente da parte dello Snadir di attivare una procedura straordinaria di assunzione e tale mobilitazione hanno contribuito a far slittare avanti nel tempo la pubblicazione del bando di concorso che, ricordiamolo, si prospetta come “ordinario” in conseguenza dell’intesa siglata dalla CEI e dal Ministero il 14 febbraio scorso“.

E conclude: “In questo lasso di tempo siamo riusciti a far riflettere tutti gli interessati (Snirc, Vescovi, Ministero e Parlamentari) sulla ingiusta selezione che si prospetta ai danni di docenti che da 20 e 30 anni sono già in servizio su cattedre vacanti. Ci auguriamo dunque che si arrivi alla soluzione di una procedura straordinaria uguale a quella dei docenti precari di altre discipline con oltre 36 mesi di servizio“.

Stampa

Nel prossimo incontro de L’Eco digitale di Eurosogia parleremo di: “Il coding nella scuola del primo ciclo: imparare divertendosi”